A Sense of Gravity - Travail

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1200 articoli.

Sense Of Gravity Travail(Autoprodotto, 2014)

Voto: 90

#PER CHI AMA: Death Progressive, Cynic, Meshuggah, Opeth

 

 

L'underground pullula sempre più di band fenomenali che riescono a malapena a farsi notare anche in circuiti underground come bandcamp o reverbnation. Non pare essere il caso dei A Sense of Gravity, cervellotica band statunitense, che dopo aver studiato a memoria la lezione di act quali Meshuggah, Cynic e ultimi Opeth, ha riadattato il tutto con personalità, proponendo un sound raffinato dall'inebriante gusto melodico. Ecco nascere 'Travail', meraviglioso debut (già sold out) di questo ensemble di Seattle, di cui sentiremo parlare in futuro, ne sono certo. Dieci tracce che decollano immediatamente con il corale inizio di "Wraith" e i suoi suggestivi arpeggi da cui irromperà il bombastico sound delle tre acrobatiche chitarre di David McDaniel, Brendon Williams e Brandon Morris (anche favoloso tastierista), che tracciano matematici riffs (se pensate anche ai Between the Buried and Me siete sulla strada giusta), irrobustiti dalla performance impeccabile alle pelli di Peter Breene. A completare il quadro, vorrei citare Chance Unterseher al basso e l'eclettico vocalist, C.J. Jenkins. Tracciato l'identikit del combo americano, potrei dilungarmi nel celebrare le qualità tecnico compositive dei nostri, ma mi limiterò solo a darvi qualche dritta e a farvi venire un po' di acquolina in bocca per spingervi a rimediare una copia di questa release, che sia in formato fisico o digitale, come preferite. La prima traccia sintetizza in maniera perfetta il sound delle tre band sopra citate, anche se sarebbe riduttivo limitare le influenze dei A Sense of Gravity a quelle sole. La seconda "Stormborn" si mette in luce per le ottime vocals (scream, growl, power e clean) ma anche per una tempesta ritmica, caratterizzata da gustose melodie su cui si impiantano deliranti riffs e blast beat da urlo; come non citare anche l'intermezzo pianistico e quel fantastico assolo prog conclusivo? Difficile trovare qualcosa che non funzioni in questo lavoro, grazie all'intensità delle sue tracce che potranno piacere agli amanti della musica metal a 360°: linee polifoniche prog suonano seguendo i dettami di scuola Meshuggah, andando addirittura oltre i gods svedesi. Divagazioni progressive, fraseggi jazz, i suoni djent, la perizia del techno death, l'aggressività dello speed, e la storia dell'heavy classico si amalgamano in modo assolutamente perfetto nel flusso dirompente di 'Travail', sfoderando una dopo l'altra, delle piccole perle musicali. Vibrante la malinconica e strumentale "Trichotillomania", vero esercizio di tecnica sopraffina, in cui Dream Theater e Gordian Knot si incontrano per una jam session da panico. "Harbringer" è una bella cavalcata death metal di cui vorrei citare la sezione solistica; mostruosa poi la psichedelica "Ration Reality" (il mio pezzo preferito) che si muove tra sonorità meshugghiane e di matrice Cynic, con le vocals ottime tra il dimenarsi tra forme estreme e altre più heavy oriented. Ultima citazione per "Weaving Memories", dark song di grande spessore ed eleganza, che palesa un'eccellente componente vocale e le sue chitarre sciorinano riffs che potrebbero ritrovarsi in grandi album di un passato glorioso. Che altro dire per convincervi della proposta dei A Sense of Gravity, non indugiate ulteriormente e procuratevi 'Travail'.