36 Stanze - Mattanza

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: kent666doom

Questo utente ha pubblicato 101 articoli.
36 Stanze Mattanza (Autoprodotto, 2012)
 
Voto: 70

#PER CHI AMA: Thrash groove, Sepultura, RATM

 

 

Ritmi frenetici si manifestano maestosamente nei primi secondi de "San La Muerte", opening track di 'Mattanza', opera dei piacentini 36 Stanze. Le tracce sono un susseguirsi di chitarroni granitici e batteria supercompressa, accompagnati da un cantato urlato o pulito, costantemente veloce, che a volte sfiora il rappato, sempre e piacevolmente in italiano. La situazione si raffredda un poco a livello ritmico nelle successive "Ottobre Uccide" e "Figlio di un Cane", dove emerge, oltre a una voce melodica e tranquillizzante, anche una chitarra pulita che ben presto si tramuterà nei sopracitati ricorrenti stilemi. Il disco rispetto al genere è abbastanza vario, dato che incorpora vari elementi del thrash/groove, nu metal, rapcore e i testi, seppur tremendamente bassi e scontati, danno comunque l'impressione di una buona ricerca a livello strutturale, dato che le voci riescono sempre ad armonizzare i vari contesti con le emozioni trasmesse dalle tracce. Sicuramente un lavoro ben curato, anche dal punto grafico, corredato poi da un packaging inusuale. Il tocco di stile riguarda poi ricorrenti chitarre acustiche e parentesi melodiche che raramente si ritrovano in un genere come questo. Bravi!