Harmonic generator - Heart flesh skull bones (2017)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1256 articoli.

Harmonic generator Heart flesh skull bonesLabel: autoproduzione

Issued: 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

Reggisen-ballatonze tardo-hair-metallare più (i Tesla con le dita nella presa di I feel fine) o meno folkeggianti (i Bon jovi dal parrucchiere di By your side) di chiara derivazione zeppeliniana (il glam n' roll IV-zeppeliniano Dance on your grave) intersecate a (opportunamente ammorbidite) istanze grungey (gli Alice in chains che ascoltano Physical graffiti sull'ottovolante di Lamb and lion) ed estemporanee virate heavy/power (lo Ian Astbury con le adenoidi di The end). Il secondo album dei Generatori di armoniche transalpini (il nome proverrebbe però da un vecchio singolo degli australiani Datsuns), in realtà un concept (quadri)tematico di settantaefottutamenteuno minuti spalmato su quattro ep in tre anni, seppur identitario, mette comunque in mostra una certa istrionica disinvoltura nel manipolare i sottogeneri in questione. Ma la produzione, solitamente appropriata nei numerosi momenti hair/glam, risulta eccessivamente nitida quando ci s'inzacchera nel grunge/comediavolo/nu-grunge. Per bilanciare, ascoltate questo disco a tutto volume con due boccali da birra sulle orecchie. E levatevi dalla faccia quell'espressione idiota.

 

Sì però avrei fretta: Supersonic riot / The end / Stand as one