Jamie Muir

Postato in Blog

Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 1880 articoli.
 
 
Si parla sempre poco di Jamie Muir, artista a 360°, conosciuto nel mondo musicale come percussionista dei King Crimson.
 
Sembra che da anni si sia ritirato per dedicarsi alla pittura, una specie di Jeffrey "Hammond" Hammond dei Jethro Tull.
 
Tanto per ricordare...
Wazza
 
 
 
 
Jamie Muir è stato un musicista senza barriere. Iniziò la sua carriera al trombone in band jazz, poi passò alla batteria e alle percussioni con un approccio del tutto libero. Suonò per due anni con l’Edinburgh free-jazz ensemble The Assassination Weapon, poi seguì Derek Bailey nel suo progetto The Music Improvisation Company. Nel 1971 Muir si unì al gruppo di rock africano Assaggi. Qualche tempo dopo Robert Fripp gli fece la proposta che l’ha consegnato alla storia, seguirlo nell’ennesima incarnazione del re cremisi. La sezione ritmica dei Crimson era formata da John Wetton al basso, Bill Bruford alla batteria e da Jamie Muir che percuoteva e utilizzava tutto ciò che era possibile: fogli di metallo, catene, richiami per uccelli, bottiglie di plastica, letti di foglie secche, seghe.
Le performance di Muir sono immortalate in uno degli album più belli della band, “Larks’ Tongues in Aspic”.
 
 
 

Dopo l’esperienza con i King Crimson, Muir decise di ritirarsi a una dimensione di vita più introspettiva e in particolare alle pratiche buddiste.
Nel 1980 Muir tornò a fare musica e lo fece in un progetto tutto suo chiamato Ghost Dance, con l’aiuto di David Cunningham e Michael Giles.
Nel 1990 Muir decide di abbandonare completamente la musica per dedicarsi alla pittura.