Delirium - L'era della menzogna (2015)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1256 articoli.

Delirium IPG L era della MenzognaLabel: Black widow records

Issued: 2015

 

 

 

 

 

 

 

Sensibili oggi come allora a certe suggestioni contemporanee, i Delirium pubblicano un concept sui mali del mondo moderno tematicamente affine a Lo scemo e il villaggio, forse persino più sdegnoso, ma dal respiro decisamente più ampio e trasversale per stili musicali e riferimenti temporali. Chitarrismi rocciosi Thrak-crimsoniani flirtanti con certo prog-metal alla Tangent e Transatlantic (L'inganno del potere), trascinanti inni incazz-folk a metà tra la PFM in tour con De André e l'Eugenio Finardi più muscoloso (Fuorilegge), ma anche sciagurati scivoloni trop-pop in aroma di BMS anni ottanta (L'angelo del fango), poi ancora i Toto non-troppo-Lukateriani di Basta, i Genesis dopo-che-sono-rimasti-in-tre de La voce dell'anima, o la rabbiosa L'era della menzogna che suona proprio come suonerebbe una You can leave your hat on eseguita dai King crimson di Red in camerino. Se avete fretta, potete cominciare con la conclusiva Il castello del mago Merlino, che riassume mirabilmente tutto questo, con in più un pizzico di Porcupine tree e l'immancabile chitarrismo gilmouriano a sfumare il maestoso finale. Oppure potete lasciare perdere: il prog italiano non fa per voi, se siete gente che ha fretta.

 

Sì però avrei fretta: Il castello del mago Merlino