Afghan whigs - Do to the beast (2014)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1256 articoli.

Do To The Beast Afghan WhigsLabel: Sub pop

Issued: 2014

 

 

 

 

 

 

Nella seconda metà dei '90 stava già andando tutto a puttane. Qualcuno con le lacrime agli occhi le tasche piene di verdoni scriveva la parola grunge sulla lapide di quel suono incredibile e nichilistico esploso e immediatamente imploso a Seattle. L'indie rock diventava un genere (sarebbe come dire che il "rock su vinile" è un genere, o il "rock fatto dai chitarristi mancini", o il "rock di tutti e soli i dischi che costano diciannovemila lire"), Jack Frusciante, lo sanno tutti, era uscito dal gruppo, Layne Stayley e Kurt Cobain già "dormivano con gli angeli". Gli Afghan whigs invece facevano dischi della madonna. Parlare ancora di quella roba oggi non ha neanche più senso. L'unica cosa che ha senso è che nel 2014 gli Afghan whigs saranno affaticati, saranno disorientati, saranno senza Rick McCollum, saranno quello che cacchio vuoi ma comunque hanno fatto un altro disco della madonna. Quando parte These sticks mettete la rotella del volume a fondoscala.

 

Sì però avrei fretta: These sticks / Algiers