ARABS IN ASPIC - Pictures in a Dream

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: cspigenova

Questo utente ha pubblicato 191 articoli.

ARABS IN ASPIC Pictures in a Dream(Black Widow Records, 2013)

 

 

Freschezza. Ne abbiamo bisogno soprattutto a fronte di una certa afa produttiva circoscrivibile, talvolta, anche in ambiti discografici “indipendenti”.
Si possono trovare delle ricette, ma se non c’è il “manico” buono, puoi scartabellare all’infinito stili e stilemi da Elvis a oggi senza cavarne il ragno dal buco.
Poi ti imbatti in fenomeni sempre “freschi” come i norvegesi Arabs In Aspic (fiore all’occhiello della genovese Black Widow Records) e ti viene voglia di sperare. Non è la prima volta: li seguii all’esordio Strange Frame of Mind e mi colpirono proprio per la naturalezza espositiva del loro talento vintage. Sì, perché anche per il vintage ci vuole talento, non ci si può improvvisare, se no anche il più raffinato reperto d’antiquariato diventa paccottiglia kitsch.
Questo non è il caso degli Arabs In Aspic che, nel loro penultimo lavoro del 2013 Pictures in a Dream, hanno saputo realizzare una vera e propria sintesi della vis compositiva tra fine anni Sessanta e inizio anni Settanta, avvalendosi soprattutto di marcatori contrastanti nell’intero arco melodico, armonico e ritmico.
In primis predilezione per la forma canzone espansa, quella che presagiva il prog, quando il prog ancora non esisteva. La tavolozza dei colori scala dalle atmosfere dilatate psichedeliche alle asperità riffeggianti di un sound più corposo, riferibile a quell’hard rock che non ha mai misconosciuto le radici del blues (l’attacco di Let Us Pray, la cadenza chitarristica slow di Felix, alcune mosse crimsoniane di Vi møtes sikkert igjen).
Punto di riferimento del disco è il dittico Rejected Wasteland / Pictures in a Dream posto in apertura: il primo brano cresce sui due accordi di Light My Fire, ma è una cavalcata terzinata che porta al clima da ballad alla Uriah Heep della title track. Altri momenti di rilievo: You Are Blind (tra Black Sabbath e rumorismo lisergico), Hard to Find  e Lifeguard@Sharkbay (il motore dei Deep Purple guida inaspettate aperture tastieristiche quasi space nella prima e chitarristiche nella seconda), Difference in Time (quando i Grand Funk Railroad mettevano il distorsore su ritmiche funky) e Prevail to Fail (ballad dalle suggestive declinazioni corali che trovano una naturale prosecuzione nella versione acustica della title track).
Qua e là mi pare di avere colto delle allusioni citazionali non so fino a che punto volute (ma il mio dubbio è segno che i nostri siano abilissimi anche in questo gioco): il tema all’unisono di organo e chitarra di Ta et steg til siden ricorda quello di Gimme Some Lovin’ degli Spencer Davis Group; il lancio di batteria nell’incipit di Vi møtes sikkert igjen è quello di Peaches in Regalia di Frank Zappa.
Insomma, Pictures in a Dream è un album che sa pure intrattenere un pubblico non necessariamente di nicchia e questa è una qualità primaria per ciò che chiamiamo “buona musica”. Il resto appassiona, prende, accompagna con garbo nel vortice del “già sentito”, senza creare gare tra cacciatori di segnali derivativi.


Ora non mi resta che passare all’ultimo Victim of Your Father’s Agony

 

(Riccardo Storti)