Oui! The North - Make an O with the ass of the glass

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: SottoSuolo

Questo utente ha pubblicato 189 articoli.

oui the northMaggio 2019, Lactobacillus records, elettronica

 

 

 

TRACKLIST

  1. 1.Radio City Hall
  2. 2.We are the reason
  3. 3.The moon of Tangeri
  4. 4.Sermon
  5. 5.As sincere as never before
  6. 6.True love
  7. 7.Until the light takes us
  8. 8.A kind of aggression
  9. 9.Songs for Tokyo
  10. 10.Fall river

 


Ci sono artisti, probabilmente i più completi, che riescono a plasmarsi, a cambiare forma… e sostanza, come cambiarsi una t-shirt. È il caso dei veronesi Oui! the north, nuovo progetto di due amici di una vita che vanno a modellarsi ancora una volta cambiando look al suono, cambiando probabilmente strumentazione, ma sicuramente non cambiando la passione che hanno da sempre per la sperimentazione. Qui dal rock di qualche anno fa, si lanciano nell’oceano virtuale dell’elettronica, incidendo quei dati volatili tra i solchi del vinile: il buon vecchio supporto nero (ma non per forza).

Questo disco è un’esperienza, non è un semplice ascolto. Si sono abbracciati a degli altri amici che hanno collaborato assieme a loro in questo disco d’esordio che promette davvero serate interessanti a volumi altrettanto interessanti perchè qui i watt s’hanno de sfruttare a fondo.

Chi sono loro? Sono Vince e Patri, le due chitarre de Le Pistole alla tempia ed è questo che spiazza: dai riff rock noise del loro ultimo progetto si immergono a pieno regime, facoltà e padronanza in un mondo quasi diametralmente opposto riuscendo a coniugare tutto alla perfezione. Scrivo queste righe al terzo giro di play perchè ad ogni ascolto aumentano i dettagli percepiti dal mio orecchio. Bello? Brutto? Lo sapete, non faccio recensioni e non giudico, ascolto un disco e se mi piace, devo diffonderlo. Ecco cosa vi dico: maledetto me per non essere ancora andato a sentirmeli dal vivo, coi volumi sparati dagli amplificatori, con le giuste luci e i giusti odori. Oui! The north, spacca!

 

 

Disco recensito anche sul mio blog Suono Ibrido

Malbo