ECHO ATOM - Redemption

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: cspigenova

Questo utente ha pubblicato 212 articoli.

ECHO ATOM Redemption(Seahorse Recordings Project, 2018)

 

 

 

Gli Echo Atom sono un power trio romano formatosi circa due anni fa e che ha saputo fare di necessità virtù. Chitarra, basso e batteria con vocazione strumentale: ennesima scommessa che solletica la curiosità dei nostri “ascoltalettori” ma, a differenza degli ArtisHand, di cui scrissi alla fine di ottobre, gli Echo Atom denotano un profilo stilistico molto più radicato al post-rock che non al progressive, benché non manchino connessioni con quest’ultimo genere.
Redemption è un pregevole contenitore di idee in forma di EP; l’impressione, però, è quella di trovarsi al cospetto di un cantiere musicale a cielo aperto per la musica che verrà. D’altra parte, la chitarra ha il compito di tenere in piedi da sola tutto l’assetto melodico e armonico, dialogando su eventuali variabili metriche con basso e batteria e non è facile. Il plot, volto ad alternare linea orizzontale (melodia) e verticale (giri armonici su ampie falcate di arpeggi), regge fino ad un certo punto per poi generare, comunque, una certa ripetitività del generale impianto tematico.
Punto a favore, invece, per quanto riguarda la pulizia dei suoni e la nitidezza delle timbriche: la chitarra di Walter Santu raccoglie il meglio del sound dei vari Manzanera, The Edge, Franco Falsini, Manuel Göttsching e Andy Summers, con richiami (tutt’altro che secondari) a certa new wave anni Ottanta. Il meglio dell’affiattamento con la sezione ritmica di Giuseppe Voltarella (basso) e Alessandro Fazio (batteria) si scorge in Path, sul tempo di 7/8, e nella title track (in 3/4): lì la band si spinge oltre, arrivando a lambire quasi i territori di una fusion ambientale.
Ad ascoltare con attenzione tutto il disco si avverte lo sforzo di consegnare un lavoro unitario, rifinito, dotato di una coerenza interna (penso a cellule melodica che tendono a ripetersi, variate, in diversi brani quasi a creare dei leitmotiv), ma, alla fine, sembra che manchi qualcosa. Mettiamola così: gli Echo Atom sono su un ottimo terreno e sono bastati pochi scavi già per riportare alla luce reperti interessanti; la curiosità, ora, è quella di vedere se ci sia il tesoro.
 
(Riccardo Storti)