LO ZOO DI BERLINO FEAT. PATRIZIO FARISELLI PLAY AREA RESISTENZE ELETTRICHE

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: cspigenova

Questo utente ha pubblicato 224 articoli.

(Consorzio ZdB / New Model Label, 2019)

 

 

 

E ha ragione Gianni Nocenzi del Banco quando li definì "post-prog". Conosco Andrea Pettinelli e lo Zoo di Berlino da quasi 15 anni e, nel corso di tutto questo tempo, ho avuto modo di seguirne l'evoluzione, anzi il continuo e instancabile work in progress.
Poi, viste certe collaborazioni, è (quasi affettuosamente) normale tirarli per la giacchetta verso il bacino del progressive, genere che la band ama e di cui si nutre ma che non vede come un obiettivo stilistico, bensì come uno dei tanti tester espressivi attraverso i quali cimentare la propria creatività.
Il loro, più che un gruppo, è un laboratorio di artigianato musicale, aperto ad ogni condizionamento artistico, senza alcuna preclusione di genere.
Insomma, non c'è etichetta che tenga e in questo ricordano molto gli Area degli anni Settanta, sempre "oltre" non tanto per elitarismo quanto per prospettiva. Nulla nasce mai per caso, quindi naturale fu l'incontro fruttuoso con Patrizio Fariselli, iniziato nel 2004 e foriero di virtuose coincidenze (in Rizoma - Elements li troviamo anche insieme ad Elio e a Dario Fo).
Recentemente il Consorzio ZdB (l'appendice "produttiva" del complesso) e New Model Label hanno pubblicato un lavoro dalla doppia anima, proprio come se fosse un vinile: il lato A si intitola Lo Zoo di Berlino feat. Patrizio Fariselli play Area e documenta le improvvisazioni del trio insieme al pianista, durante il minitour del 2018 in Emilia Romagna presso i luoghi della Resistenza; il lato B, Resistenze elettriche, consta di 4 tracce inedite registrate in studio.
 
Le tre impro dell'Internazionale, L'elefante bianco e Arbeit Macht Frei convincono senza la minima esitazione. L'inno cresce da un grumo di dissonanti note pianistiche, fortemente votate all'atonalismo, e viene filtrato dal synth e dal rumorismo dell'ensemble fino alla conclusione che definisce fedelmente la melodia; Èlephant Blanc Impro attacca con un piano bartokiano (sembra una variazione ad una delle Danze rumene) per connettersi al flusso originale, offrendo però spazio al dialogo elettroacustico tra Fariselli e Andrea Pettinelli così come per l'ineffabile Arbeit Impro. Più aderente all'originale, Aria, il commovente omaggio di Fariselli in memoria dei partigiani caduti (contenuto nell'ultimo album 100 Ghosts).
 
Girata idealmente la facciata, lo Zoo di Berlino ci fa entrare nella loro fucina ribollente di idee in ipercinetico movimento. Si spazia dalla musica futurista al funky, passando attraverso guizzi post-rock, free jazz, kraut rock e crossover.
Per De Waiting War (from Pratella's War) si scomodano pure gli intonarumori di Luigi Russolo e il theremin in un big bang noise dal sapore primordiale, in mezzo ad uno schizofrenico pianoforte stravinskiano e a ritmiche barbariche sorrette dal batterista Massimiliano Bergo e dal bassista Diego Pettinelli.
Control Freak si avvale di strutture ripetitive, quasi ossessive, che ricordano il motorik teutonico dei Can: intelligente il collage realizzato con il campionamento di notissime notifiche social, comuni ai nostri telefoni cellulari. Eredi degli Area in tutto per tutto, Control Freak, nell'esplicita critica rivolta ai media contemporanei, è un po' una Lobotomia 2.0, attualizzata nelle forme, ma invariata nel messaggio.
In Ganz Egal Marcela Lagarde vi è un cameo di tutto rispetto e altamente consonante con lo spirito del gruppo, se non altro per la scelta del nome, infatti la traccia vede la partecipazione di Christiane Vera Felscherinow (più nota come "Christiane F.", sì, l'autrice del best seller Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino) che ha concesso l'utilizzo di alcune outtake, qui immerse nel contraddittorio panneggio timbrico di Pettinelli e co. (uno squillante Fender Rhodes e un cupo basso distorto).
Bella Ciao è il felice sigillo conclusivo: riprende un po' l'esperimento dell'Internazionale degli Area ma conferendo al brano un incipit quasi shake, sbarazzino, molto da colonna sonora per un poliziesco di almeno 10 lustri fa; groove contagioso e svolazzi di complicità ritmo-melodiche ad ogni battuta.
 
 
(Riccardo Storti)