Chemako - Chemako

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2289 articoli.

Ultrasound - 2012

Chemako è una neonata blues band che esordisce con un album omonimo. La novità risiede solo nel progetto, giacché i componenti del gruppo sono musicisti di lungo corso e consolidata esperienza. Parlo di Stefano Bertolotti, Gianfranco “French” Scala e Roberto Re-negli ultimi anni i Chicken Mambo di Fabrizio Poggi- e di Marcello Milanese, ormai in pianta stabile dopo la registrazione in studio.
L’intervista a seguire li ha visti coinvolti tutti, e l’idea generale che ne deriva è quindi la più completa possibile.
Come quasi sempre mi accade, l’ascolto prolungato non ha fatto che confermare l’impressione da primo impatto, situazione estremamente soddisfacente se a guidare l’istinto è la musica blues.
Dice Marcello Milanese nel corso dello scambio di battute.” … in USA ho imparato che non bisogna guardarsi indietro, bisogna guardarsi dentro…”, frase utilizzata per spiegare che il blues non appartiene ad una regione, ma a tutti, uomini e donne sensibili, magari lontani migliaia di chilometri dal Mississippi.
Le gioie e i dolori non sono patrimonio di determinate zone della terra, è vero, ma quel “guardarsi dentro”, che unisce le persone virtuose, può sfociare in una poesia, in un quadro, in una scultura, in una canzone o… nel blues, che non tutti sanno definire, e che è molto di più di una melodia con tre accordi, ma una filosofia di vita. Potenzialmente siamo tutti “uomini di blues”, ma spesso ignoriamo che esiste una categoria capace di raggrupparci, indistintamente, ed è quindi la più universale possibile.
Nelle undici tracce di “Chemako” ho ritrovato tutto questo… i miei viaggi in America e il mio mood quotidiano, sulle rive del torrente Letimbro.
Nel suo bilancio di vita George Harrison cantava che “…tutte le cose devono andare avanti,
tutte le cose devono morire...”, e non è casuale che l’unico brano preso in prestito sia proprio “All Tinghs Must Pass”, messaggio drammatico e al contempo colmo di speranza.
Il blues che ci propone Chemako è di grande valore, dal punto di vista tecnico-musicale. Artisti talentuosi che si uniscono a ospiti di prestigio non possono che raggiungere l’obiettivo del prodotto di qualità, e cito la texana Debbi Walton, perché la collaborazione proseguirà nel corso dell’estate, per quanto riguarda la fase live. Ma alla piena soddisfazione, di chi propone e di chi ascolta, si arriva quando il momento della creazione e del “ricevimento” portano verso lo “scossone”, che può essere una semplice riflessione o il lasciarsi andare alle emozioni, il piangere o il ridere, il ricordare o il cercare di dimenticare. L’album è pieno zeppo di queste situazioni che ti spingono a reagire, e credo che solo la musica e i suoi contenuti sappiano toccare i nervi scoperti. Tutto appare misurato, quasi sussurrato, a tratti intimistico, con un variare di vocalist che diventa elemento caratterizzante del singolo brano (piacevole sorpresa-per me- la timbrica di Milanese). Il virtuosismo tecnico si nasconde per servire la causa comune, perché non c’è bisogno di un assolo, almeno in studio, per raccontare la serenità, poca, e il disagio, moltissimo, con cui dobbiamo convivere.
L’album Chemako propone una visione pragmatica della nostra vita, con tante pillole di dolcezza e caute sollecitazioni ad andare avanti, in un mondo in cui a volte appare impossibile vivere.
Molto curato l’art work che riassume lo spirito dell’album nel contrasto tra immagini -forse- padane, e flash texani.
Alle tracce audio sono stati uniti due video, uno che riprende il brano di apertura, “Red Diamond Train”, e “Come Away with me”, testimonianza del felice rapporto Fellini-Masina.
Prosegue il dialogo e l’amicizia col regista Francesco Paolo Paladino, che ha condiviso con i tre ex C.M. un bel periodo texano, a fine 2010.
La produzione è di “French” Scala e la maggioranza dei testi di Gianni Rava.
Un esordio che sa di “rilascio impetuoso dopo grande accumulo”. Ma forse la vita regala così tanti spunti che noi tutti, uomini e donne di blues, potremmo scrivere ogni giorno un libro o una canzone da condividere!

L’INTERVISTA

Premessa: il progetto Chemako nasce da un’idea di French con la collaborazione di Stefano e Roberto. Durante la lavorazione del cd abbiamo incontrato Marcello il quale, al termine della produzione, è entrato stabilmente nel gruppo come quarto Chemako. Per questo motivo, nonostante la sua presenza nel cd sia solo parziale, Marcello è coinvolto al 100% e darà il suo contributo come tutti noi a questa intervista.

L’inizio di ogni nuovo progetto presenta sempre linee guida e obiettivi minimi da raggiungere. Raccontatemi i vostri.
French- La linea guida (che, secondo me, è anche l’obiettivo minimo da raggiungere) è suonare insieme e divertirsi. Dalla partenza, insieme, sul furgone, alla cena prima del concerto, alla musica che condividiamo sul palco, al dopo serata mentre si chiacchiera e si beve l’ultima birra.
Marcello- personalmente, facendo parte dei Chemako, sento di poter fare buona musica, voglio trovare un pubblico che ci apprezzi per quel che siamo e che possiamo dare, fare dischi onesti e... tornare al più presto negli Stati Uniti e in tutta Europa in tour.

Siete gli autori di quasi tutti i brani, vostra è la produzione e il mixaggio. Potremmo definire tutto questo il risultato dell’esperienza di anni di lavoro, oppure il… venire allo scoperto con materiale che era già pronto e aspettava solo la situazione giusta per “esplodere”?
French- La produzione di Chemako è mia mentre le canzoni presenti nel disco sono nate man mano che Gianni Rava (l’autore di otto degli undici brani presenti nel disco) scriveva i testi. Alcune canzoni, tipo Lost my way e Tears for breakfast, risalgono ad aprile 2011, mentre Save the moon e Maintenance free sono state scritte addirittura a settembre, in piena fase di registrazione. Avendo delle idee musicali è stato decisamente facile poterle sviluppare con l’apporto di due musicisti come Roberto e Stefano. Ci conosciamo ormai da quattro anni e il nostro suono e lo stile musicale si sono consolidati nel tempo; oggi l’intesa è grande sia in studio che nelle situazioni live. L’ingresso nella band di Marcello, l’apporto della sua voce e della sua chitarra sono stati la classica ciliegina sulla torta. L’elemento fondamentale che mancava in Chemako!
Marcello- Un grande disse che la musica è nell'aria e i musicisti non fanno altro che suonarla: se davvero è così noi quattro, ora, siamo le parti di un'unica grande calamita da canzoni volanti... o forse le canzoni sono dentro di noi e hanno bisogno del giusto concime.

Perché la scelta di utilizzare “All Things Must Pass” di George Harrison? Motivi legati al messaggio o all’artista?
Roberto- A entrambi. George Harrison è uno dei geni della musica del 20° secolo, un artista sensibile e ispirato che merita un piccolo tributo come questa nostra personale interpretazione. Come avrai notato l’abbiamo voluta rendere più intimista e dolce dell’originale; questo per enfatizzare la positività del concetto di cambiamento che è insito nel messaggio. Niente è immutabile, la staticità equivale alla morte degli stimoli vitali, siamo in un viaggio in cui ogni tappa è diversa dalla precedente e allo stesso tempo arricchita dalle precedenti esperienze. E’ il concetto di evoluzione che sta alla base dell’Universo.

Ho notato anche che avete proseguito la collaborazione con Francesco Paolo Paladino, che vi aveva seguito in America nell’ultima esperienza con Fabrizio Poggi. Da dove è nata l’idea?
Tutti- L’idea è nata dall’amicizia che ci lega a Francesco, dalla sua generosità e disponibilità. E’ un regista di grande talento, un genio nel suo genere, e siccome amiamo la sua compagnia abbiamo voluto rinnovarla anche in questo nostro primo lavoro.

Come nasce l’abbinamento tra i due video compresi nel CD, quello legato al brano “Red Diamond Train” e il felliniano “Come Away with me”?
French- Il primo è una personale interpretazione di Francesco di Red Diamond Train, mentre il secondo è un omaggio a Giulietta Masina, all’amore che la legava a Federico Fellini realizzato da Maria Assunta Karini.

L’art work è molto curato, così come il sito. Pare proprio che nel progetto ci siano tutti gli ingredienti, anche quelli meno musicali che non tutti amano. Che cosa pensate dell’arte del comunicare e della visibilità conseguente?
Roberto- Anche se mi occupo personalmente del sito -in quanto le architetture web sono uno dei settori in cui mi muovo con maggiore passione ed assiduità- questo è il risultato di un lavoro di gruppo, dove tutti mettono in gioco le proprie proposte e nessuno prevarica gli altri. L’art work del cd ad esempio nasce da un’idea di French. Io credo molto nella comunicazione, la rete ha creato una rivoluzione nei mezzi e nei modi, ma i concetti di base sono gli stessi di sempre. Il nostro principale obiettivo è fare musica che soddisfi noi e chi ci ascolta, ma ogni forma di arte è comunque mezzo di “espressione” e “comunicazione”. E viceversa. L’importante, come dice Marcello, è avere contenuti da comunicare e su cui attirare l’attenzione. Insomma in poche parole speriamo di aver creato una bella confezione per un bell’oggetto.

Leggendo le presenze musicali nei differenti brani si evidenziano numerose collaborazioni. Quanto è importante per voi creare un ambiente quasi familiare nell’ambito del vostro lavoro?
Marcello- Alla prima session in studio mi sono sentito subito a mio agio: non avevo mai interpretato canzoni inedite non scritte da me, ma sono entrato immediatamente nel “mood” grazie alle splendide personalità di Teto, Bob e French; le indicazioni per registrare non sono state strettamente musicali, ma emozionali, e questo mi ha permesso di dare il massimo... e quindi di essere accolto nella band ufficialmente. E' incredibile la sinergia che si è creata da subito... infatti presentiamo già dal vivo brani che abbiamo composto noi quattro insieme!

Come e quando si realizza la collaborazione con Debbi Walton?
Stefano- Sono quasi dieci anni che collaboro con musicisti texani, con i quali ho avuto la fortuna e il piacere di fare tournée in Europa e in Texas. Durante queste esperienze si conoscono moltissime persone e con alcune di queste a volte si approfondisce una collaborazione basata anche sull’amicizia. Debbi è una di queste ed è per questo che lo scorso anno ha deciso di registrare il suo nuovo cd proprio nel nostro studio (Ultrasound Records – Belgioioso). Questo disco è attualmente in lavorazione ed uscirà verso la fine della primavera. Per promuoverlo abbiamo organizzato un tour nella prima metà di luglio di cui presto potremo comunicare tutte le date. Mentre era in studio le abbiamo proposto di cantare un nostro pezzo, Let it burn wild, per Chemako.
Le è subito piaciuto, ed è stata felice di interpretarla con la sua splendida voce.

Ho ascoltato, per il momento, una sola volta l’album, come sempre prima della formulazione delle domande, per far lavorare anche l’istinto. Potrò quindi sbagliare, ma ho colto un blues quasi… riflessivo, adatto a creare vere immagini di vita attorno al Mississippi, lo stesso mood che ho provato quando sono stato in quelle zone. Sono molto lontano dalla verità?
Roberto- Athos, conosco bene la tua sensibilità e mi fa piacere che già il primo ascolto evochi in te sensazioni legate ad ambienti e luoghi specifici. La musica è sogno e deve tirare fuori i nostri sentimenti; ma questi sentimenti sono soggettivi in quanto legati alle nostre personali esperienze, per questo mi aspetto che a qualcun altro la musica di Chemako possa evocare le colline piacentine o le coste pugliesi o addirittura le pianure della Mongolia. Certo è che questo disco nasce anche dalla intensa esperienza che French, Stefano ed io abbiamo vissuto come Chicken Mambo nel settembre 2010 in Texas, quindi il Sud degli Stati Uniti è parecchio coinvolto. Se aggiungi anche le esperienze live fatte con Guy Davis e le collaborazioni discografiche nei dischi di Fabrizio Poggi con Eric Bibb, i Blind Boys of Alabama, Flaco Jimenez e molti altri puoi stare tranquillo che le tue percezioni non sono così lontane dalla verità. Il tutto poi è stato comunque condito con una varietà di ingredienti che ognuno di noi ha preso dal proprio repertorio di esperienze.
Marcello- per quel che mi riguarda il Blues è storicamente antropocentrico e quindi riflessivo, ma non strettamente legato al Mississippi o agli Stati Uniti: questa musica è il linguaggio che ho imparato per raccontare la mia (e ora dei Chemako) storia. Quando sono stato in tour in USA ho imparato che non bisogna guardarsi indietro, bisogna guardarsi dentro.

La domanda finale è sempre rivolta al futuro. Che cosa sperate di trovare dietro l’angolo e cosa avete pianificato per lanciare “Chemako”?
Marcello- suonare dal vivo, suonare dal vivo e suonare dal vivo... poi andare in studio a registrare e ricominciare dal punto primo.
Roberto- Marcello ha sintetizzato il concetto. Vogliamo far sentire la nostra musica, vorremmo principalmente dedicarci a suonare il più possibile in giro in maniera onesta e trasparente, pronti a raccogliere apprezzamenti ma anche ad accettare critiche. Non siamo dei grandi calcolatori, ci lasciamo molto condurre dall’istinto. Se credi veramente in quello che fai ci sarà sempre qualcuno che lo capirà, e a quel punto avremo aggiunto un piccolo mattone alle nostre vite.

Dimenticavo, perché avete scelto questo nome?
French- Chemako è il nome Hunkpapa (indiani d’America) di Ken Parker, il personaggio di un bellissimo fumetto creato dalla fantasia di Giancarlo Berardi e dalle matite di Ivo Milazzo.

Un anteprima dei brani contenuti nell’album è fruibile al seguente link:
http://www.chemako.com/index.php/it/


Note biografiche dal comunicato stampa…

Chitarra, basso e batteria provenienti da esperienze e culture musicali differenti convergenti in una sinergia esplosiva ed avvincente che li rende una delle band più apprezzate nel panorama blues italiano - ma non solo.
Gianfranco "French" Scala con la sua chitarra trova nella sezione ritmica formata nel 1993 da Roberto Re (basso) e Stefano Bertolotti (batteria) un terreno fertile su cui coltivare il suo accattivante ed espressivo stile chitarristico. Ne risulta un sound puro ed essenziale, senza fronzoli ma con una grande forza coinvolgente.
Chemako non è un semplice insieme di tre musicisti quanto piuttosto un unico organismo musicale in continua evoluzione che ha accompagnato con grande soddisfazione alcuni giganti della musica americana tra cui Guy Davis, Flaco Jimenez, Eric Bibb e che vanta collaborazioni discografiche con i Blind Boys of Alabama e Charlie Musselwhite.
Nell'ottobre 2011, quando la nebbia inizia ad impregnare la pianura padana, i Chemako ritrovano una vecchia conoscenza, Marcello Milanese, un vero bluesman di provata esperienza nonché disegnatore ed incisore. Insomma un artista poliedrico, "nato sulla riva destra del Tanaro probabilmente solo perché negli ospedali del Mississippi quell'estate del '73 non c'era più posto". L'apporto della sua voce calda e profonda e della sua inseparabile chitarra diventano presto elemento cruciale nella formazione.
http://www.chemako.com/index.php/it/

Note su Debbi Walton…

Nel mese di luglio 2012 Chemako accompagnerà in tour Debbi Walton, cantante texana, che racchiude nella sua splendida voce la malinconia coinvolgente del blues ed è in grado di graffiare l'anima di chi l'ascolta con splendide ballate originali o tratte dal repertorio dei grandi della musica folk e soul del Texas.
Nata da una mamma sedicenne, la Walton è cresciuta ascoltando Otis Redding e Bob Dylan, Sam Cooke e Jimmy Reed, Ray Charles e Leonard Cohen.
Oggi ha una voce potente ed allo stesso tempo delicata che l'ha fatta paragonare a Etta James e Bonnie Raitt.
Ad Austin, sempre in Texas, ha ricevuto parecchi riconoscimenti per le sue infuocate performance dal vivo, per le sue opere discografiche, e per il suo costante impegno in aiuto ai bimbi in difficoltà.
La band per questo tour vede alla chitarra Donnie Price, famoso musicista texano che ha suonato il basso con gente come Willie Nelson, Billy Joe Shaver, Ryan Bingham e Tish Hinojosa, più un prestigioso e rodato trio tutto italiano composto da Gianfranco Scala alla chitarra, Roberto Re al basso e Stefano Bertolotti alla batteria. I tre musicisti vantano una lunga esperienza sui palchi europei e Texani, sui quali hanno accompagnato artisti come Flaco Jimenez, Guy Davis, Ponty Bone e Floyd Domino.