Art Of Infinity - Raumwerk

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2290 articoli.

Prudence Cosmopolitan Music/BSC Music, 2012

Un altro incontro casuale quello con gli Art Of Infinity.

Chi sono, che cosa pensano e come si sono evoluti, si evince dalla biografia finale ma, soprattutto, dall’intervista realizzata con uno dei due fondatori del progetto, Thorsten Sudler-Mainz.

Ho ascoltato il loro nuovo album, Raumwerk, e ho cercato scampoli di loro musica pregressa, per farmi un’idea generale di cosa essi propongano e di come siano cambiati nel tempo, musicalmente parlando.

Accadeva ad inizio anni ’70 un fenomeno tipicamente tedesco, che viaggiava parallelo rispetto alla”nuova” musica che stava nascendo in Europa. Si guardava con estremo rispetto verso quel versante, anche se a volte sembrava più un dovere, un obbligo intellettualoide rivolto a suoni che non si comprendevano appieno, ma che bisognava tenere in considerazione e, soprattutto, far sapere a tutti che erano parte del nostro know how. Mi riferisco a band che hanno poi fatto la storia, come Tangerine Dream, Popol Vuh, Kraftwerk e Amon Duul. La loro musica aveva alla base l’elettronica, la sperimentazione, l’ambiente, le visioni musicali.

Art Of Infinity, appaiono come i degni discendenti di quella stirpe di musicisti innovativi e intraprendenti.

Il loro sviluppo ha portato ad una maturazione tale che il nuovo disco presenta liriche in lingua tedesca, come ad evidenziare una buona sicurezza dei propri mezzi e la determinazione nell’imporsi senza particolari accorgimenti ammalianti.

La loro musica, inizialmente concepita come espressione”studio”, esplode ora come “live”, dando ai protagonisti una piena soddisfazione espressiva.

Undici tracce per oltre cinquanta minuti di suoni che accompagnano in un’altra dimensione. L’aspetto “cosmico”e le atmosfere “ambient” che gli Art Of Infinity propongono,trovano punti di interruzione in brani come Arena, dove la chitarra incontra un mondo Pop creando qualcosa di inconsueto e gradevole. Affascinante la commistione tra il classicismo del piano e del violino con i programmatori, l’elettronica e un po’ di etnia.

Ma la parte che più colpisce è l’introduzione di una sequenza vocale, mutevole a seconda dei brani, che si inserisce come strumentazione aggiunta, trasformando le liriche in parti soliste e accompagnamenti strumentali emozionanti: Die Zeit e Zur zweiten Welt ne sono un rappresentativo esempio.

Un disco tutto da gustare, capace di adattarsi al nostro stato d’animo e al contempo modificarlo.

E in attesa di vedere gli Art Of Infinity in Italia,leggiamo il loro pensiero e ascoltiamoli.

http://www.art-of-infinity.com/home/

 

Intervista a… Thorsten Sudler-Mainz...

Potreste raccontare un pò di storia della band al pubblico italiano?

Ho fondato Art Of Infinity insieme al mio amico e compagno musicale Thorsten Rentsch nel 1996. Insieme a diversi musicisti e cantanti ospiti abbiamo prodotto quattro album, che sono stati distribuiti dalla famosa German Label BSC Music / Prudene. Il nostro nuovo album Raumwerk è stato pubblicato nel novembre 2012.

Come definireste il genere musicale che proponete?

La musica di Art Of Infinity è influenzata dall’ elettronica, ma anche dall’ Art Rock e dalla Pop Music. Gli arrangiamenti dei nostri brani sono sostanzialmente elettronici, ma comprendono anche voci, chitarre, percussioni e altri strumenti suonati realmente. La musica che realizziamo a volte può sembrare complessa e un po’ “pomposa”, spesso con l’aggiunta di voci femminili, e talvolta si può chiamare semplicemente "Ambient-Pop".

Siete una band tedesca e proponete musica elettronica. Esistono analogie rispetto ai gruppi degli anni ’70?

Sì, penso di sì, e i recensori dei nostri album spesso parlano di somiglianze con i grandi gruppi tedeschi, come i Kraftwerk e Tangerine Dream, ma penso che con Art Of Infinity siamo riusciti a creare uno stile unico che ci caratterizza e ci rende differenti dalle altre band, attuali e del passato.

Esiste un artista che ha influenzato la vostra musica e su cui siete tutti d’accordo?

Oh sì, io in particolare sono influenzato dalla musica dei Pink Floyd. La magia di quella musica è davvero grande, e amo soprattutto i loro album seventies.

Come si è evoluta la vostra musica dal 1996 ad oggi?

Con i nostri primi tre album, New Horizon, Dimension Universe e " Endless Future, abbiamo creato e completato una trilogia. Il nuovo album "Raumwerk è diverso, perché abbiamo usato per la prima volta testi in tedesco. Abbiamo anche utilizzato alcuni nuovi elementi tipicamente pop, che è possibile ascoltare nel nostro nuovo singolo Raum und Zeit. Allo stesso tempo abbiamo prodotto anche una nuova long track, molto complessa, il cui nome è Zur Zweiten Welt. Su questa traccia è possibile ascoltare la chitarra del chitarrista tedesco Klaus Maggiore Hauser e le percussioni del percussionista americano Byron Metcalf. Sono molto orgoglioso del fatto che questi grandi musicisti, e molti altri guests siano parte della famiglia Art Of Infinity. A tal proposito vorrei dire che tutti i musicisti ospiti vengono introdotti sul nostro sito web. Abbiamo migliorato il nostro sound, di album in album, ma ci sono un sacco di cose attuali fatte nello stesso modo in cui venivano realizzate nel 1996, quando iniziammo la nostra avventura.

Che importanza hanno i testi rispetto alla musica, nelle vostre composizioni?

Le liriche sono molto importanti per me. Scrivo testi per esprimere l'idea del tema dell'album o per raccontare delle piccole storie. Ma noi tutti amiamo anche comporre brani strumentali, come Das Tor ad esempio. A volte la musica parla da sé e non servono le parole. Nei primi album abbiamo anche creato i cosiddetti "fantasy voicings", con la nostra ospite, la cantante Eva Wolf, e nell’ album Endless Future con la cantante Alquimia. Nel nuovo album abbiamo lavorato con la nuova cantante Ilona Gerulat che arriva da Colonia. Con Ilona abbiamo prodotto alcuni chant-like vocali, questa volta in lingua tedesca.

Cosa significa per voi una performance live?

Art Of Infinity è soprattutto un progetto “studio”; nel novembre 2012 abbiamo eseguito un concerto al Planetarium Bochum, in Germania, per la prima volta: è stata una grande esperienza per noi! Con quattro musicisti ospiti e i cantanti, abbiamo presentato brani vari di tutti gli album degli Art Of Infinity. Suonare dal vivo significa molto per me. Per chi fosse interessato è possibile vederci su YouTube. Abbiamo pubblicato un documentario dell’esibizione live, con le immagini del concerto e i provini che abbiamo fatto nello studio di Thorsten Rentsch, a Colonia.

Che cosa potete dire del nuovo album “Raumwerk”?

"Raumwerk" è il nostro quarto album ed è stato pubblicato il 2 novembre 2012. Il tema centrale, e ciò che ruota attorno, ha a che fare con il concetto di “sogni terreni”. Abbiamo cercato di creare un suono spaziale. In "Raumwerk" è possibile trovare musica dal pop alla musica sperimentale. Così il nostro nuovo singolo, Raum und Zeit (Camera e spazio) suona più come l’Ambient-pop dei Kraftwerk o dei German Project Schiller. Ma ci sono anche elementi di Art Rock, come Pink Floyd (Zur Zweiten Welt, Arena) e qualcosa di più sperimentale (Traumraum, Sternenhalle). Sono molto contento di questo album e le reazioni della stampa internazionale sono confortanti.

Quale rapporto avete con le nuove tecnologie?

Noi componiamo le nostre tracce di base con il programma Logic Audio. Quindi, se ho una nuova traccia o idea, ascolto tutto assieme al mio compagno Thorsten Rentsch. Di solito questo è l'inizio per la produzione di una nuova creazione di Art of Infinity. Thorsten Rentsch è anche il proprietario di uno studio professionale di registrazione. Una grande “console” SSL per il mixaggio, analogica, capace di miscelare un suono fantastico, antico e caldo, che è il cuore dello studio. Ma c'è anche un moderno sistema Pro Tools, e un sacco di apparecchiature all’avanguardia. Così il suono di Art Of Infinity nasce e si sviluppa con tecnologie studio vecchie e nuove, mix di cui il primo beneficiario è il sound finale.

Cosa dobbiamo aspettarci nell’imminente futuro da ART OF INFINITY?

Nel futuro immediato cercheremo nuove idee musicali, dopo di che si vedrà.

Non ci sono ancora piani concreti, ma posso immaginare un allargamento di Art of Infinity per quanto riguarda le esibizioni live, con una set list che includerà alcune delle nostre long tracks, come Evolution, Drift Upon The Sky, Utopia, o Zur Zweiten Welt.


Note Biografiche

La band tedesca ART OF INFINITY, progetto tedesco, fu fondata nel 1996 dai musicisti e produttori Thorsten Sudler-Mainz e Thorsten Rentsch.
In collaborazione con diversi ospiti, musicisti e cantanti, hanno prodotto quattro album che sono stati distribuiti dalla famosa label BSC Music / Prudence. La combinazione affascinante di Ambient, Art rock e Pop è il marchio di fabbrica inconfondibile di Art of Infinity.
Il loro album di debutto New Horizon ha visto la luce nel 2000.
Nel 2004 ART OF INFINITY firma un contratto con la Musica BSC. Dopo il successo del secondo disco, Dimension Universe, canzoni come Cosmic Rain or Drift Upon The Sky furono inserite anche all’interno di compilation internazionali.
Il loro album studio del 2008, Endless Future, ha ricevuto numerosi e positivi consensi dalla stampa.
Una relazione dettagliata sui lavori “studio” è stata pubblicato sul loro sito web.
Con The Flow Of Time (Radio Version)" ART OF INFINITY ha realizzato nel 2009 il primo singolo.
Il nuovo album Raumwerk, e il nuovo singolo Raum und Zeit (Radio Version) risale al 2012. Questa volta i testi sono in lingua tedesca.
Con il loro spettacolo dal vivo, Raumwerk 2012, hanno fatto il loro debutto live nell’autunno 2012.

Rassegna stampa internazionale:

http://www.art-of-infinity.com/en/diskographie/international-album-reviews/