DANCE WITH BEARS - I Love You Bears!

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Manellone

Questo utente ha pubblicato 13 articoli.

Ocarina, 2013

Voto 50
 
Con difficoltà mi approccio a questo disco. Si, l’elettronica a volte mi spaventa. A volte mi piace, a volte non mi dice niente. Questa è un’elettronica sporca, fatta con synth sequencer e chitarrone distorte, basso pulsante e un quatto quarti che non ti abbandona mai.
Gli otto brani (+1 remix) di “I Love You Bears!” rientrano in quella che io chiamo musica danzereccia disco-rock-party. E qui si fermano però.
Il senso è quello di già sentito nonostante l’attualità dei suoni. La voce femminile ricorda quella disco anni ’90 e dopo due canzoni eccomi già annoiato. La voce maschile si inserisce spesso in modo scontato.
La produzione è molto curata, su questo non c’è niente da dire: le entrate di distorsione della chitarra hanno dei suoni veramente maestosi. Però ho addosso questa sensazione di plastica che non mi si scrolla di dosso.
“Human Mind”, la seconda traccia, è il pezzo che mi ha colpito di più, un po’ alla Wombats con questo ritmo in levare, ma la famose voci da disco anni 90 rovinano tutto.
“A Reason” è quello che i DWB considerano il loro singolo. L’inizio è un bel refrain ma viene appiattito tutto in strofa (siamo alla terza traccia e mi sembra di aver già sentito tutto il disco).
Un pezzo che esce dal mazzo è “The Future” dove addirittura mi viene in mente “Falco” di “Electica Salsa”. Qui mi fermo con l’analisi dei pezzi del disco perché poi tutti gli ingredienti vengono mescolati e ripetuti fino alla fine.
Probabilmente non c’è molto da cercare in questo disco (ad esempio i testi sono assolutamente di contorno), l’intenzione della band è di divertirsi e di far divertire quindi forse c’è solo da provare a ballare e sudare. Perdonatemi ma io qua con le mie cuffie non ci sono riuscito.