Buildings - Melt Cry Sleep

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: maudrup

Questo utente ha pubblicato 116 articoli.
Buildings Melt Cry Sleep(Doubleplusgood Records, 2011)

Voto: 80
 
#PER CHI AMA: Noise Rock, Jesus Lizard, Shellac, Unsane
 
 
Mentre ascoltavo per la prima volta il secondo cd di questo trio di Minneapolis, mi sono per un attimo convinto di essere tornato nel 1993. Per una mezz’ora ho provato di nuovo la stessa rabbia repressa che il solo Kurt Cobain sembrava potesse capire, la stessa non-voglia di prepararmi al compito di matematica e lo stesso bisogno di giocare a pallone con gli amici fino a non sentire più la fatica. Tutta colpa (o merito) di quello che usciva dalle casse dello stereo. Quell’assalto all’arma bianca di noise, rock martoriato e punk blues belluino, che sembra il risultato di una creazione di laboratorio, per ottenere la quale si sono mescolati un 60% di Jesus Lizard epoca "Liar", un 30% di Shellac di "At Action Park", e spruzzate di Unsane e Melvins. Sezione ritmica sugli scudi, con tanto di basso caterpillar a demolire qualsiasi cosa gli capiti a tiro ("Wrong Cock"), chitarra tagliente come un bisturi maneggiato da un boscaiolo ubriaco ("I Don't Love My Dog Anymore") e voce filtrata che gratta e ferisce come una spazzola dalle setole di ferro arrugginito. E ancora scosse telluriche sostenute da un interplay basso-batteria come vorremmo sempre sentirne, code strumentali rallentate e quasi stoner e in generale una coesione tale da far di questo lavoro una gran bella botta in piena faccia. Il suono è dunque per forza di cose derivativo, ma non per questo poco convincente, anzi riesce ben presto a vincere la diffidenza e il sospetto iniziali di trovarsi di fronte a un qualcosa di studiato a tavolino. E’ un disco denso e rovente, "Melt Cry Sleep", dove tutta l’urgenza e la paranoia riversata vent’anni fa da David Yaw e compagni, non viene qui scimmiottata e riproposta come un copione mandato a memoria, ma piuttosto appare metabolizzata dai tre che ne sono interpreti sinceri e appassionati. Secondo centro per la Double + Good records, che dopo il magnifico lavoro dei Self-Evident, ci regala questo concentrato di potenza primordiale molto poco rassicurante.