Hola la Poyana! - A Tiny Collection of Songs About Problems Relating to the Opposite Sex

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: maudrup

Questo utente ha pubblicato 124 articoli.
Hola la Poyana A Tiny Collection of Songs About Problems Relating to the Opposite Sex(Hopetone, 2013)
 
Voto: 75

#PER CHI AMA: Blues, Folk acustico, Nick Drake, Elliott Smith

 

Chi si cela dietro il nickname spagnoleggiante è Raffaele Badas, cantautore sardo dalla voce magnetica e le dita forti. La sua musica è allo stesso tempo ancestrale e modernissima, capace di coniugare il blues pre-bellico, il folk d’oltre Manica e una sensibilità molto attuale, soprattutto nella scrittura e nel modo di cantare. Con alle spalle l’ottimo EP 'Lazy Music for Dry Skins”, arriva oggi all’esordio sulla lunga distanza, facendo praticamente tutto da solo. Ottimo chitarrista, Badas, e allo stesso tempo ottimo cantautore, riesce sempre a trovare il giusto equilibrio tra la sua anima blues e quella più fragilmente pop. 'A Tiny Collection of Songs…' (titolo che non lascia dubbi sul tema trattato dai 9 brani, tutti in inglese) potrebbe essere il disco blues che Elliott Smith non ha fatto in tempo a scrivere, e non credo di essere troppo blasfemo nell’accostamento. Ascoltare per credere, per esempio, quella meraviglia di “Giraffe’s Neck”, con un violoncello che sembra un canto di sirena, la chitarra che si inoltra in territori frequentati in passato da gente John Martyn, e una melodia fragile cantata con un sussurro, oppure “As Time Goes By”, uno dei vertici del disco, stomp blues dalla chitarra tagliente e una melodia gentile. Oppure ancora la splendida “Targets”, pura quintessenza Nick Drake, o ancora la brevissima “Just to Say”, ovvero gli Smiths ai tempi dell’ukulele; tutto si incastra alla perfezione anche nei brani più canonicamente blues, come i riff secchi di “Don’t Leave Me Alone” o “Liar” con una voce metallica, quasi distaccata dal suolo. Resta da dire di “There’s Difference Between Heart and Liver”, delicato stumentale tra Davy Graham e il primo Ben Harper, l’ipnotica “I Must Go” (ancora dalle parti di Drake e Martyn) e la conclusiva “The Best Way to Live”, che affonda le sue radici nell’indie degli anni '90 e che non avrebbe per niente sfigurato in un vecchio disco dei Deus. Ok, il Pozzo dei Dannati è un sito che tratta prevalentemente di musica estrema, ma sono dell’idea che ogni tanto un po’ di decompressione non faccia male e anzi aiuti ad allargare gli orizzonti, e in più credo che un disco come questo non possa e non debba passare inosservato, anzi inaudito, nemmeno alle orecchie del metallaro più incallito.