The Brain Washing Machine - Seven Years Later

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Mikmonta

Questo utente ha pubblicato 175 articoli.
The Brain Washing Machine Seven Years Later(GoDown Records, 2013)
 
Voto: 70

#PER CHI AMA: Stoner Rock

 

 

Della serie ottima etichetta, ottimi gruppi! Questa volta tocca ai The Brain Washing Machine (TBWM), padovani di nascita e stoner/rock per vocazione. Il quartetto lancia questo album alla fine del 2013, dopo il successo del primo EP (datato ormai 2006) e conferma quanto atteso. Band solida (un solo cambio di line-up in questi sette anni di attività), numerose esibizioni live (anche a fianco di band di spicco) e molti passaggi in radio per condividere il loro lavoro con il nutrito mondo di desert-addicted. Dodici brani registrati professionalmente e un bel digipack, ti fanno salire la cosiddetta SAS (Stoner acquisition syndrome), patologia riconosciuta a livello mondiale che porta l'amante del genere stoner/doom alla ricerca incessante del gruppo perfetto. Perfetto o no, i TBWM sono cazzuti, bravi e sanno vendersi. Per quanto riguarda i primi due punti nulla da aggiungere, arrangiamenti ad hoc, tanti riff e cura feticista del suono. L'ultimo punto invece potrebbe dividere le folle, nel senso che se cercate un disco che vi aiuti a passare in modo graduale dal pop/rock allo rock/stoner, questo è quello giusto. Se invece siete dei fan smaliziati del genere, troverete questo album un po' troppo ruffiano. Talmente border line da far sorridere, ma chissenefrega. Ascolta e taci. "Seven" è bella carica, una sfonda timpani da gustare appieno con le casse dello stereo che vi rinfrescano da quanta aria muovono a ritmo di una locomotiva che sfreccia nella notte. Brano strumentale, che non sente affatto il bisogno del cantato perché i riff vi parleranno a livello subliminale, prima veloci e poi dimezzati, tutto a beneficio del movimento ritmico della vostra testa. Ecco, diciamo che discreta parte nello stoner lo fanno le chitarre, possibilmente accordate in do e ricche di fuzz. I TBWM hanno optato per suoni meno desertici e più metropolitani, sappiatelo. "Angry Boy" apre con un grande riff di basso, veloce e tagliente che anticipa l'entrata degli altri commilitoni che arrivano subito a dar man forte. Parte ritmica promossa a pieni voti, insieme alla chitarra ci danno dentro come non ci fosse un domani e questo ripaga l'ascoltatore. Il vocalist sa il fatto suo, non è dovuto certo passare da 'X-Factor' e 'Amici' per imparare come si canta da rocker. Per questo serve tanta gavetta e migliaia ore di ascolto dei propri maestri (STP, Jane's Addiction, etc.) "Simple Song" è un'altra gran traccia, in linea con le precedenti e quindi non aggiungo molto altro. Le chitarre sono più grosse e forse sarebbe il suono adatto anche per le altre canzoni. Lo svolgimento è leggermente ripetitivo, si intuisce facilmente il prossimo cambio e questo toglie un po' di gusto all'ascoltatore. Direi che i TBWM sono a buon punto (prodotti dalla GoDown Records), non devono certo farsi abbagliare dai risultati ottenuti sin'ora, ma andare avanti per la propria strada. Infatti potrei dire che qualche aggiustamento al loro stile si può fare, ma poi, serve veramente?