Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 2258 articoli.
Francesco Di Giacomo – Alan King, provetti calciatori 

(Villa Ada –Roma 1978) foto archivio Gianni Nocenzi

 

Racconti sottoBanco

 

In un mondo dove tutti pubblicano “selfie” e sgomitano per apparire (senza raccontare nulla) è bello sentire storie di “altri tempi”, fatte di passione vera e di amore per il Banco del Mutuo Soccorso.

L’ex calciatore Sergio Mari racconta il suo rapporto tra calcio e musica del Banco.

Wazza

 

Sergio Mari
 

Dai ricordi di Sergio Mari, ex calciatore, scrittore ed artista.

"Soldi non ce n'erano, voglia di vivere e curiosità tanta invece, specie se avevi tredici anni. Il mondo era racchiuso in un pallone - super tele 70 lire e si giocava in venti - e nella musica. Io e Teo una coppia perfetta, io con il pallone ci sapevo fare, lo sentivo e infatti... e lui a scegliere dischi: Yes, Genesis, Jethro, V.d.G.G., Tangerin, ma anche Orme, Pfm e Bms. Ora lui il biglietto come cacchio l'aveva avuto non lo so, perché il Banco sarebbe stato a suonare a Coperchia di Salerno e io in quel campo sportivo ci avevo giocato, me lo sentivo mio. Quando però si trattava di concerti io nel campo non ci entravo dall'ingresso giocatori ma scavalcando il muro che lo cingeva tutto. Così fu. Suonarono che eravamo tutti seduti a terra, nella polvere della terra battuta. "Adesso vi chiediamo un momento di grande attenzione", disse Francesco al microfono. E intonarono Traccia II. Il silenzio coprì il campo tutto, il mondo e la fantasia del nostro futuro. Stavamo facendo, noi lì a terra e loro sul palco, un gran gol. La partita, infatti, la vincemmo tutti: loro soddisfatti della nostra attenzione, noi per quella musica da stipare in testa per sempre.

Teo ed io tornammo a casa un po’ più adulti."

----------------

"1987 Derthona- Centese: Ventura, il mio allenatore, per dirmi in camera mia che sarei restato in panchina ci mise 45' e realizzai la cosa solo quando lo vidi avviarsi nel corridoio.

Allora mi sparai nell'orecchio Traccia II con il mio walkman.

Della partita non fui dall'inizio, ma entrai nei venti minuti finali e feci gol come Tardelli in Spagna.

Urlavo e gridavo viva il Banco, viva il Banco!

Mi presero per pazzo, ma non feci caso a ciò: ascoltare quei gruppi che Teo mi proponeva a 13 anni già mi aveva precluso tante amicizie, anche di ragazzine.

Ma mai, io e Teo ci siamo sentiti soli.

Per amici veri? Francesco e il Banco."

 

Sergio Mari ha giocato nella Cavese per 11 anni ma non consecutivi, poi Akragas con Scoglio allenatore, Centese due anni con Specchia e Ventura, poi Fasano con Franzon, Juve Stabia con Brivio e Improta…