Cemetery Fog - Towards the Gate

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

Cemetery Fog Towards The Gates(Iron Bonehead Productions, 2014)

Voto: 65

#PER CHI AMA: Death old school, Celtic Frost

 

 

Non so molto di questo duo finlandese se non che una spettrale intro apre questo 'Towards the Gate', mini Lp di debutto della band (all'attivo anche tre demo), costituito da cinque pezzi (di cui due sono intro e outro). Andiamo allora a dare un ascolto alle tre tracce vere e proprie di questo dischetto: “Withered Dreams of Death” è la prima song che si affaccia con una chitarra old school, che mostra i suoi richiami glaciali al suono primordiale dei Celtic Frost. L'atmosfera è plumbea, l'incedere lento e minaccioso, il lavoro alle sei corde è sorretto da una tastiera mefistofelica e ingannatrice, mentre le growling vocals si rivelano efficaci nel descrivere sogni di morte. Si tratta di un salto indietro nel tempo di almeno vent'anni, quello che ci regala la musica dei Cemetery Fog e il trend occulto dei nostri si conferma anche con la successiva "Embrace of the Darkness", altra song dai forti richiami retrò ma che comunque sa conquistare per il proprio approccio horror, quasi sulla scia dei King Diamond, ma senza la vocina del "Re Diamante". La song trova addirittura il modo di offrire un bellissimo break acustico, con clean vocals sussurrate e delicate note di pianoforte in sottofondo. Niente male ma anche nulla di nuovo. "Shadow of Her Tomb" è il terzo brano, quello dal piglio decisamente più rallentato e inflazionato. Si tratta infatti di un death doom dalle tinte funeral, in cui compare addirittura la celestiale (ma non troppo) voce di una gentil donzella, il tutto per un risultato a tratti scontato. Poco importa; come opera prima questi errori ci possono anche stare, ma per il futuro cerchiamo di trovare una via più personale di dischiudere il proprio sound.