Wolve - Lazare

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1342 articoli.

Wolve Lazare(Fuzz Fuzz Records, 2016)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Alternative/Progressive Rock, Riverside, A Perfect Circle

 

 

 

È un trio parigino quello dei Wolve che, non fosse stato per una cover cd cosi alternativa, avrei probabilmente etichettato come black metal per una certa assonanza col nome di alcune band estreme. Invece la grafica non tradisce il contenuto di 'Lazare', un EP di 18 minuti di musica dotata di un'anima, ed in grado di smuovere anche l'anima di chi li ascolta. Si parte col battito soffuso e sognante della title track, che evidenzia quelli che sono i punti di contatto della band francese, in primis i polacchi Riverside e gli inglesi Porcupine Tree, rimanendo dunque nell'ambito di un intimista rock progressivo che tributa anche Peter Gabriel. Un sound che convince per quel suo incedere affidato quasi esclusivamente a batteria e basso, con la voce di Julien Sournac a supporto di una ritmica loquace e gli squarci di chitarra elettrica relegati nella seconda parte del brano, decisamente più energica, ma anche più sperimentale, con intermezzi dal sapore etnico. "Porcelain", peraltro titolo di una famosissima song di Moby, ha i contorni di una ballad, con quella combinazione rilassante di basso, synth e vocals malinconiche, e con qualche richiamo ad un che degli A Perfect Circle. Un breve intermezzo noise rock ed è il momento di "Far", ultima tappa di questo breve lavoro, una traccia grintosa votata ad un certo stoner (per le ritmiche più pesanti) e psych grunge (per l'abbinata voce-basso in stile Alice in Chains) che chiude l'EP, che mostra una prestazione convincente del trio transalpino. Ben fatto, ora sarà bene concentrarsi per dare un seguito all'osannato album di debutto, 'Sleepwalker', che vi invito ad andarvi ad ascoltare. Niente male affatto.