HIMSA - Summon In Thunder

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1535 articoli.

(Century Media/EMI, 2006)

voto: 75

# PER CHI ASCOLTA: Death/Thrash, The Haunted, Killswitch Engage, God Forbid

Tornano gli Himsa con un nuovo assalto sonoro ai nostri timpani, forti di una super produzione ad opera di Steve Carter (per ciò che concerne la musica), Devin Townsend (per la voce) e Tue Madsen (per il mixing e la mastering). “Summon in Thunder” rappresenta sicuramente il top della carriera per il quintetto di Seattle, che dimostra di essere in forma smagliante, dopo la non certo brillantissima prova di “Hail Horror”, uscita l'anno precedente (2006). Undici nuove sorprendenti e straripanti tracce, di un dinamico thrash/death metal, ricco di melodie ma anche di tanta furia, una miscela di vecchio speed metal unito ad un suono moderno, rabbioso e senza compromessi. Riff rocciosi (di scuola svedese) ci avviluppano le menti, con la batteria sempre precisa di Chad Davis che pesta che è un piacere e la voce di Johnny Pettibone a vomitare tutto il suo odio. Il nuovo platter della band statunitense non lascia tregua, è una cavalcata continua in cui trovano sfogo gli ottimi assoli delle due asce (influenzati dai solos dei fratelli Amott degli Arch Enemy). Se devo indicare un brano che mi ha colpito più degli altri, cito la quinta traccia “Skinwalkers”, che inizia con un buon arpeggio, prosegue su un mid tempo fino ad esplodere a metà circa in un attacco convulso, ma sempre ben ragionato, per poi concludersi con una raffinata scarica chitarristica. Una citazione spetta anche alla successiva “Curseworship” per la sua capacità di non darci modo di pensare e non farci annoiare. Forse proprio in questo sono migliorati questi ragazzi: alla fine del cd, pur rimanendo quella sensazione di già sentito, non sono assolutamente annoiato e ne vorrei ancora. Tecnica inoppugnabile, melodie accattivanti, niente di nuovo all’orizzonte sia ben chiaro, però l’headbanging è garantito per tutti gli amanti di questo genere di sonorità e non solo. Ottimo comeback!

# MASSIMA ALLERTA: brillanti gli assoli di chiara matrice swedish...

# COLPO DI SONNO: troppo intenso per cadere in tentazione...