Krane - Pleonexia

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1451 articoli.

krane pleonexia(Czar of Crickets, 2017)

Voto: 80

#PER CHI AMA: Post Metal, Russian Circle Mono

 

 

 

La scena di Basilea e della Svizzera in generale, inizia a brulicare di band, grazie all'enorme lavoro di scouting che la Czar of Crickets e le sue suddivisioni stanno facendo sul territorio elvetico. L'ultima scoperta sono questi Krane, band formatasi nel 2012 e con all'attivo un primo album, 'Ouroboros' uscito nel 2013. Poi un silenzio durato ben quattro anni, rotto finalmente dall'uscita di questo 'Pleonexia' e dal consolidamento di una più stabile line-up. Il genere proposto è un post metal strumentale, ovviamente con tutte le sue sfumature ambient/post rock e la peculiarità di essere addirittura un concept album di carattere bellico. Il risultato? Notevole, senza alcun dubbio, anche per chi come me non ama i dischi privi di una porzione vocale, anche se qui sarà attenuata dalla presenza di parti parlate. Il ritmo dopo l'intro si fa subito incalzante, i chiaroscuri delicati, i saliscendi memorabili: vi basti ascoltare la meravigliosa "I: Strategic Level", rimarchevole per i suoi suoni, per il riverbero delle sue chitarre, per le celestiali melodie, per quel suo mood malinconico ed autunnale che affiora nei suoi larghi spazi ambient. Un disco in bianco e nero, assai raffinato che mi sento di suggerire a tutti coloro che amano band quali Russian Circle o Mono, ma anche Isis o Cult of Luna, visto che i chitarroni più pesanti pescano a piene mani dai gods del post metal. Non mancano gli intermezzi elettronici corredati da spoken words ("Destabilisation") e da una musicalità che richiama le colonne sonore di Hans Zimmer (quello di 'Inception' o de 'Il Codice Da Vinci' per intenderci). "II: Operational Level" è una song di dodici minuti, avvolta da una tribalità militaresca accompagnata da tonnellate di riff post metal, che trovano una prima pausa a metà brano, grazie alla comparsa di spoken word e che poi tornano a macinare corpose linee di chitarra affiancate da atmosfere sognanti. Forse un po' troppi dodici minuti, ma sicuramente il suono circolare che emerge dalle note della track, trova comunque il suo perché. Il riffing si fa più mastodontico nella quinta "III: Tactital Level", song seppur più breve, ma di grande impatto strumentale. Tuttavia devo ammettere che quel quid che mi aveva particolarmente entusiasmato nella prima vera song dell'album sembra un po' scemare nel corso del disco. Ma parliamoci chiaro, se l'inizio del cd viaggiava su altissimi livelli, qui ci siamo assestati su una qualità comunque davvero buona. La traccia, a parte l'incipit urticante, nella sua seconda metà si affida a toni ben più compassati, anche se poi gli slanci energici non si faranno mancare negli ultimi due minuti del brano. "Combat" sembra essere la continuazione della precedente, con quel suo ritmo tirato ma con una durata alquanto striminzita (meno di due minuti). A chiudere 'Pleonexia' ci pensa l'ambient/noise di "Aftermath", con quel suo surreale dialogo che sembra essere la trasmissione di coordinate di guerra per l'abbattimento di un qualche obiettivo militare. I Krane alla fine hanno partorito un buon album, che sicuramente ha ancora qualche spigolatura da smussare ma che certamente avrà modo di incuriosire frange di fan di qualunque genere.