Messerschmitt - Raising Hell

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 2438 articoli.

Messerschmitt Raising HellGruppo: Messerschmitt

Album: Raising Hell

Genere: Heavy Metal

Casa discografica: Metal Zone Records

Anno: 2018 (reissue 2021)

COMMENTO DI FABIO ROSSI

 

 

Tracklist:

1. Raising Hell

2. Like Watching A New Child Born

3. Glimpse Of Shame

4. Born In The Slums Of Rome

5. Hunter Today Prey The Next Day

6. Once Again

7. The Final Score

8. Brakeless

Line up:

Luca Loreti (Voce)

Fabrizio Appetito (Chitarra solista)

Francesco Ciancaleoni (Chitarra)

Mario Ghio (Basso)

Luca Federici (Batteria)

 

 

Il caccia vola ancora! I Messerschmitt sono una formazione capitolina dedita all’heavy metal più viscerale formatasi nel lontano 1983 che, pur costituendo uno dei capisaldi del genere nel nostro Paese, non è riuscita a trovare la via del grande successo. Sui motivi che hanno impedito al metal italiano di affermarsi al pari di quello anglosassone (non è un’esagerazione), mi sono già espresso in occasione della recente recensione del libro Acts of Sabotage – La biografia ufficiale di Nico Parente recitando, per quanto mi riguarda, il mea culpa; debbo però rincarare la dose perché essendo romano avrei potuto e dovuto fare di più per i conterranei Messerschmitt. Meglio tardi che mai! Per tale motivo sono ben contento di poter degnamente promuovere la loro fatica discografica intitolata “Raising Hell”.

L’album, a dire il vero, era giàuscito alla fine del 2018, ma l’avvento della pandemia ha consigliato di tergiversare per agevolare una più proficua promozione che altrimenti sarebbe venuta meno. Ecco il perché di questa reissue rilasciata il 15 ottobre 2021.

L’ascoltatore si ritroverà catapultato negli anni Ottanta al cospetto di quello che i più oltranzisti definiscono true metal, apprezzandone l’elevata qualità complessiva delle composizioni. La band mostra una certa propensione a non voler permanere in uno stantio revaivalismo, ma fornisce prova di guardare oltre come, peraltro, sarebbe d’uopo che ogni musicista serio faccia. Siamo al cospetto di un heavy metal potente, genuino, scevro da compromessi e all’insegna della tradizione; una quarantina di minuti di musica con picchi creativi evidenti in tracce arcigne e adrenaliniche come l’intensa title track, Glimpse Of Shame, dotata di un eccellente refrain, e Hunter Today Prey The Next Day, nella quale i riferimenti a mostri sacri come Iron Maiden e Judas Priest appaiono più evidenti. Non manca il riferimento agli endemici problemi della tanto amata e bistrattata Roma in Born In The Slums Of Rome, insomma un prodotto che mi ha sorpreso riportandomi ai tempi in cui ero giovane e fiero di essere metallaro in contrapposizione agli immancabili denigratori… in effetti sono così anche ora per cui alla fin fine non è cambiato nulla (e meno male!). Voglio fare i più sinceri complimenti a questa band nella speranza di non attendere troppo per un nuovo LP, e all’operato del press manager, il mio amico nonché valente scrittore Francesco Gallina, che, come al solito, dà tutto sé stesso per la causa. Heavy Metal is the law!