Kamlath - Stronger than Frost

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1279 articoli.

(BadMoodMan Music, 2011)

Voto: 75

A volte mi domando come possano nascere le collaborazioni tra artisti cosi lontani o semisconosciuti tra loro, un’amicizia, un gioco tra etichette o cosa? Quindi mi chiedo come e cosa possa aver accomunato Max Konstantinov e Peter Shallmin, entrambi provenienti dalla Siberia con lo svedesone Mike Wead (Mercyful Fate/King Diamond, Candlemass), con Dennis Leeflang (Within Temptation, Epica) e infine addirittura con l’italianissimo Marco Benevento, singer dei The Foreshadowing? Insomma il connubio tra Russia, Svezia, Olanda e Italia ha partorito i Kamlath e il genere Siberian Metal (in quanto il concept ruota intorno alla tradizione della comunità siberiana, ma qui se la potevano anche risparmiare), tra l’altro sotto con l’apporto grafico di un altro membro della scena internazionale, Seth Siro Anton dei greci Septic Flesh. Il risultato a conti fatti non è affatto male, se siete però dei fan del vocalist dei nostrani The Foreshadowing, in quanto se, come me, non apprezzate la timbrica del buon Marco, avrete grosse difficoltà a digerire la proposta del combo, ma cercherò di analizzare il tutto con estremo raziocinio. La proposta è certamente accostabile ad un gothic dark doom che viaggia sempre su linee di chitarra compassate e atmosferiche, con le vocals che raramente travalicano il cantato pulito. La musica si lascia piacevolmente ascoltare sin dall’iniziale “Isgher”, dove immediatamente è Marco ad assurgere a ruolo di assoluto protagonista grazie alle sue melodie vocali su un sound mai troppo graffiante. I suoni, forse un po’ troppo glaciali, sono riscaldati ben presto dal chitarrismo solista di Mike Wead che regala sprazzi di grande classe. La seconda “Seven Thousand Winters” apre quasi con piglio black metal, con una ritmica selvaggia, per poi prontamente assestarsi su un mid-tempo melodico, ma ripartire, nello sviluppo del brano, ancora più furiosa. La voce ammaliante di Marco è sovrana (e lo sarà per tutta la durata del cd) e domina su un tappeto ritmico rutilante creato dalla batteria incalzante di Dennis. Con la terza “Thy Revelation” tocchiamo l’apice compositivo di questo inaspettato “Stronger than Frost”, con una song struggente che si conclude con un assolo meraviglioso. La tecnica di certo non manca al quintetto internazionale e i nostri non esitano di certo a palesarla. La title track ha più le sembianze di un pezzo dei Moonspell, mentre la successiva “One Tired Wise” si rivela meno sostenuta e con un mood notevolmente malinconico, che si riproporrà anche nella splendida conclusiva “From Siberian Deeps”. A suggellare il lavoro dei nostri ci pensa poi un’ottima produzione nei romani Temple of Noise Studio a conferire una maggiore italianità a questa release. Un unico appunto vorrei fare: limitate la performance vocale di Marco che rischia di sovraccaricare e rendere noioso l’ascolto del cd. Oscuri!