Cult of Erinyes - Golgotha

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.

(Kunsthauch, 2010)

Voto: 70

Ritualistic black metal, interessante definizione per questi sconosciuti Cult of Erinyes provenienti da Bruxelles. EP d’esordio datato 2010 questo “Golgotha”, fa da apripista al nuovissimo lavoro “A Place to Call My Unknown”. Apertura ambient affidata ai 3 minuti e mezzo di “Anima”, che fa delle atmosfere rituali il suo punto di forza; poi ecco scatenarsi l’inferno con “The Glowing Embers” che esplode in tua la sua veemenza black con una ritmica martellante di chiara matrice old school. I suoni non sono proprio il massimo, ma la furia black non cerca di certo suoni bombastici per scatenarsi; l’incedere delle ritmiche si avvicina notevolmente a quello del mitico “De Mysteriis Dom Sathanas” degli immensi Mayhem, con le vocals di Mastema che provano egregiamente a ricalcare quelle del buon vecchio Attila. Se devo essere sincero è proprio la parte vocale ad entusiasmarmi maggiormente in questo lavoro della durata di poco più di 15 minuti, dove l’aria sulfurea che si respira, si fa ancor più malsana e intrigante nella terza e conclusiva, “The Year All Light Collapsed”, che fa decollare qualitativamente la proposta del terzetto belga. Suoni rallentati, al limite del doom si intrecciano con un mood d’avanguardia (dimostrato anche dalle cleaning vocals) che sfocia in un finale suggestivo, un inno alla guerra, con il drumming di Baal davvero epico e le vocals gracchianti in marcia verso la vittoria. Peccato solo per l’esigua durata dell’EP, altrimenti sono certo che la band avrebbe meritato di più. Ora attendo l’ascolto del full lenght che segna l’esordio sulla lunga distanza per questo nuovo combo mitteleuropeo. Interessantissimi!