SOLE REMEDY - Apopotosis

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Mikmonta

Questo utente ha pubblicato 172 articoli.

(Aftermath Music, 2010)

Voto: 85

L'ho sempre detto, per dare una svolta alla mia vita musicale dovrei fare un anno sabbatico in Scandinavia. In questo territorio, la musica ha avuto uno sviluppo unico nel suo genere, isolato dal resto del mondo ma nello stesso momento a passo con i tempi, spesso anticipandoli di brutto, segnando la retta via per il resto dei gruppi. I Sole Remedy sono un quartetto finlandese e non smentiscono affatto le loro origini, infatti con questo secondo cd "Apoptosis", pubblicato dalla Aftermath Music, entrano di prepotenza nel mondo dei grandi. Anticipo solo una cosa: a mio parere è un album geniale, dal sound ricercatissimo e sotto certi aspetti anche innovativo. Ora vediamo in dettaglio cosa i Sole Remedy ci propongono. "Comatose" apre le dieci tracce con dei suoni puliti, un ritmo non convenzionale per il post rock e la voce del frontman che accompagna le note librandosi nell' aria. "Present Remorse" cambia subito faccia all'intro dell'album e ci catapulta in pochi secondi nelle atmosfere del combo finlandese. Chitarre distorte incalzanti, ritmica veloce e il growl di Jukka Salovaara che si alterna non appesantendo troppo il brano. La malinconia riverbera in altri pezzi senza mai essere troppo eccessiva, infatti i Sole Remedy sono molto bravi ad intervallare i riff più duri con stacchi più tecnici, quasi prog. La quarta traccia, "The Burten", è a mio avviso un capolavoro, sia a livello di arrangiamento che di composizione. Le chitarre sono fantastiche, forse perché richiamano il sound dei Katatonia e trovare un gruppo che le reinterpreta così bene, è un orgasmo musicale. Tutti gli altri strumenti fanno il loro sporco lavoro, la tecnica è a livelli molto alti (NdR, il core del gruppo suona insieme dal 1998) e la voce di Jukka è quanto di meglio ci si possa aspettare per interpretare questo stile. "Wolf in Me" è il pezzo più rappresentativo dell’ensemble: infatti in questi otto minuti, la band sfrutta al meglio tutte le proprie doti regalandoci un piccolo capolavoro che richiama le sonorità dei mitici Opeth. E poi le chitarre, scusate ma dopo tanta mediocrità ascoltata nell'ultimo periodo, ecco finalmente una luce in fondo al tunnel. Lo stacco acustico a metà della traccia regala poi un'emozione vera di riscatto e purezza, cosi come le note cristalline della chitarra acustica, che viene poi ad essere incorniciato da un assolo di quelli da lenti ma azzeccati. Il cd si chiude con "Past Decay", che riprende la struttura dei precedenti pezzi, giocando sempre sulle sonorità che si avvicendano ad hoc. Ritorna la ritmica di "Comatose", come fosse una citazione, non una mancanza di estro artistico. Devo dire che è stato fatto un grosso lavoro di composizione e ancora meglio di arrangiamento, sicuramente il supporto dell' etichetta ha permesso poi ai Sole Remedy di raggiungere il loro traguardo ma sotto c'è un gruppo di quelli granitici, che non si lascia impaurire dal mercato musicale molto affollato. Quei gruppi che lavorano duro per anni senza demordere e di cui la scena musicale ha estremamente bisogno. Grazie Sole Remedy, avete regalato a noi mortali una perla da custodire per i tempi duri che verranno.