ATOMA - Skylight

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1268 articoli.
(Napalm Records, 2012)

Voto: 85

Uno degli album più attesi da parte del sottoscritto, si vede finalmente materializzare nella mia collezione personale di cd, dopo un attesa durata ben otto anni da quello che fu il debutto degli svedesi Slumber, successivamente scioltisi e dalle cui ceneri, sono sorti questi AtomA, che ancora una volta, come i predecessori, mi prendono per mano e mi conducono verso un viaggio ai confini dello spazio. “Skylight” è un’altra magnifica perla nel sempre più florido panorama metal, un lavoro che apre con la bellissima intro omonima (cosa assai rara di questi tempi), che unisce trance music con musica elettronica. Poi ecco il cd, aprire ufficialmente le danze con la title track, che riprendendo il suono emozionale degli Slumber, lo amplifica enormemente in un turbine emotivo da urlo, in cui una bellissima musica mi avvinghia, mi scalda il cuore, mi fa sorridere, mi rende felice. Melodie arabesche si avviluppano ad uno space rock, che sa molto delle ultime performance degli inglesi Ewigkeit, il tutto spruzzato da quel magico feeling che solo i primi Amorphis erano in grado di emanare. Tiepide growling vocals si alternano con uno splendido cantato pulito in una mistura di suoni che sono in costante crescendo emotivo. Partono dall’anima e poi su, più su toccando ad uno ad uno tutti i miei sensi, attraverso dieci splendide tracce, che tra incursioni progressive, escursioni al limite dell’EBM, reminiscenze dark dei Tiamat di “A Deeper Kind of Slumber” (“Highway”), labirintiche e disorientanti scorribande nel cyber metal, senza dimenticare i forti influssi della musica classica, psichedeliche reminiscenze dei Pink Floyd ed infine frangenti al limite dell’ambient, ci regalano un’altra pazzesca release in questa primavera infuocata. Da sottolineare, oltre alla già citata performance del vocalist, a suo completo agio, nelle porzioni pulite, da premiare anche la prova del tastierista, vero artefice di questo capolavoro. AtomA, gli alieni venuti dallo spazio infinito…