Abbas Taeter - Oblio

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1200 articoli.
(Self, 2012)
 
Voto: 80
 
Torna il side project di Mancan degli Ecnephias, dopo ben quattro anni di silenzio da quell’“Infernalia”, che ottenne non pochi consensi dalla critica, ma non troppa fortuna in termini di risposta del pubblico. Speriamo in questa nuova opera, in cui non solo gli addetti ai lavoro, ma anche i fan, possano dare una chance all’ottimo musicista lucano. Veniamo comunque ai pezzi di questa seconda release, che tra l’altro racchiude anche “Vetusta Abbazia” e “Obedimus”, già viste nel debut album. Un’oscura intro recitata, apre “Oblio”, poi una raffinata chitarra e l’inconfondibile vocalizzo di Mancan attaccano, decretando l’inizio di questo viaggio esoterico-spirituale. Maestosi, sinfonici, epici ed eleganti, ma anche violenti, estremi e malvagi: questi gli aggettivi che potrebbero sintetizzare tranquillamente i contenuti di “Oblio”. Immediatamente rimango conquistato dalla miscela feroce tra death/black e musica classica, il tutto cantato in lingua italiana, che mi fa propendere per un pollice alto, per la scelta amletica che da tempo assilla il bravo vocalist italiano. “Preda” è una song oscura, che vede nelle sue accelerazioni ed in spettrali giri di chitarra, i suo punti di forza, con la voce roca di Mancan a ringhiare nel microfono. Di sicuro, si noterà una maggiore propensione da parte del musicista lucano a forzare a livello ritmico, rispetto alla sua band madre, orientata ormai verso lidi più gotici; tenete comunque presente, che una larga componente melodica è ben presente anche nei solchi di “Oblio”, grazie alla elevata presenza di inserti di pianoforte. La costituente occult doom emerge con “Rito dei Fuochi Pagani”, soprattutto a livello delle liriche che mostrano, come se ce ne fosse stato bisogno, l’interesse profondo del mastermind di Potenza, in tematiche occulte. “Dannati dall’Oblio” è un bell’esempio di black death furente, che vede comunque sempre emergere nel suo fluente incedere, una sostanziosa parte sinfonica (di scuola Limbonic Art) ma pure, ed è ciò che più riesce a scompormi maggiormente, drappeggi di chitarra di stampo classic rock. Forse ai più questa cosa sfugge, troppo spesso focalizzati sulla componente estrema di questa release, ma in realtà, devo dire che le aperture rockeggianti saranno alla fine, ciò che rendono ancor più suggestivo questo lavoro, ancor più dei chorus, che si ritrovano anche negli Ecnephias (e che in questo li rende forse troppo simili), e che qui ritroviamo ad esempio nel breve intermezzo, “Antico Sentiero”. “Sanctus in Tenebris” è una celebrazione delle tenebre e dell’oscurità, tematica da sempre estremamente cara all’artista della Basilicata, e che ancora una volta pongono in risalto l’epicità di “Oblio”, frammista alla furia devastante delle sue ritmiche; ma occhio perché anche qui, il black death dirompente, viene spazzato, via ancora una volta da divagazioni, che definirei occult rock. Un altro intermezzo acustico e ci si avvia lentamente verso la conclusione, con un organetto che apre “La Notte del Culto” e ne popola, a mo’ di incubo, anche il suo incedere. L’alone mistico dei Rotting Christ (quelli primordiali), da sempre fonte di ispirazione dei nostri, aleggia leggero anche nelle note di “Oblio”. “Vitriol”, che vede la presenza dietro le tastiere di Sicarius, è la song che alla fine prediligo dell’album: spettrale, violenta e maestosa, strano si trovi in chiusura, ma questo testimonia comunque che l’album mantiene una qualità medio alta per tutta la sua durata. Grazie Mancan, portatore delle tenebre. Ottimo ritorno.