TO A SKYLARK - To a Skylark

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1284 articoli.

To a Skylark(Worm Hole Death, 2008)

Voto: 85

# PER CHI ASCOLTA: Progressive/Avantgarde, Opeth, Isis, Nahemah, Tool

 

Quando meno te lo aspetti, ecco un fulmine a squarciare un orizzonte terso, sgombro da ogni nuvola e con un sole accecante che si staglia lassù, nel cielo azzurro. Questo è l’effetto che ha suscitato in me l’ascolto dell’album di debutto dei talentuosi vicentini To a Skylark. Già il nome della band rievoca la bellissima poesia di Percy B. Shelley, la bravura e la sensibilità poi di questi cinque ragazzi (che ho avuto anche il piacere di conoscere e vedere dal vivo), fa’ il resto. La band, formatasi nel 2003, rilascia un album eccezionale, che l’occhio lungo e vigile della Worm Hole Death (sottoetichetta della Aural Music) non si è lasciata scappare. Dopo la breve intro, si parte alla grande con “Icarus’ Redemption”, lunga traccia (di poco più di 10 minuti) che rappresenta un po’ la sintesi della musica dei nostri: ritmiche non troppo sostenute, arricchite da melodie fluttuanti, parti atmosferiche/acustiche, qualche sfuriata death, una prova eccellente dei singoli (con un plauso particolare al batterista e alla strepitosa prova di Alessandro alle vocals, con uno stile vocale, sia nel clean che nel growling molto vicino al cantante degli spagnoli Nahemah), non fanno che garantire 45 minuti di musica di gran classe. Non ho già più parole per descrivere le emozioni che questo sound è in grado di trasmettermi. Si prosegue con il breve sognante intermezzo “Hic et Nunc” che finisce per esplodere in “At Dusk, by Lake Walden”, dove è sempre la batteria a dettare i tempi mentre i due chitarristi disegnano trame allo stesso modo di come Picasso pennellava, in modo geniale, le sue tele: suoni progressive si amalgamano alla perfezione con visioni lisergiche di “Pink Floydiana” memoria, lo sludge claustrofobico alla Isis si unisce alla ripetitività ipnotica dei Meshuggah, impressionante è l’esito finale di questo brillante lavoro. Che piacere sentire musica ben suonata, capace di travolgerci con la sua elevata carica emotiva, musica che parte e arriva diretta al cuore. Si prosegue con la brutale “The Aftermath” (forse il pezzo meno eccelso del lotto) e con un secondo angelico intermezzo che apre alla lunghissima “The Fading Process”, la perfetta sintesi dei suoni di Porcupine Tree, ultimi Katatonia e Opeth, song che sancisce la grandezza di una band che per quanto giovane sia, mi auguro possa raggiungere un successo straordinario. “To a Skylark” è un lavoro meraviglioso (supportato anche da un’ottima produzione ai West Link Studios di Pisa) che tutti gli amanti di sonorità metal (non solo estreme sia ben chiaro, ma anche avantgarde, progressive, gothic, black) dovrebbero far loro. Ripetersi sarà veramente difficile, ma quanto sentito in sede live promette altri fulmini in quel bellissimo cielo azzurro…

# COSA FUNZIONA: altissima qualità artistica

# COSA SERVE: una distribuzione capillare mondiale