A Very Old Ghost Behind the Farm - La Came Crude

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1202 articoli.
A Very Old Ghost Behind the Farm La Came Crude(Peccata Mundi Records, 2014)
 
Voto: 85

#PER CHI AMA: Post Metal/Stoner, Neurosis, Cult of Luna 

 

 
Se il primo album dei francesi A Very Old Ghost Behind the Farm ci aveva impressionato per il loro piglio stoner doom, con questo secondo lp, l'ex one man band di Tolosa, guidata da Lundi Galilao (che abbiamo già incontrato nei Dead Mountain Mouth), cattura la nostra attenzione per tutta una serie di trovate. 'La Came Crude' per un giorno mi ha invogliato allo studio del francese. Perché vi chiederete voi. Vi rispondo che in compagnia del cd, vi arriverà anche una piccola novella scritta proprio nella lingua madre dalla band transalpina, che narra di una leggendaria e folkloristica creatura della Guascogna e delle regioni dei Pirenei (appunto la came-crude), simile ad un gufo dotato di un solo artiglio allungato sul quale risiede un terzo occhio, che era solito vagare di notte e divorare la gente per la strada. Ecco, partiamo quindi da questo scenario di terrore per descrivere la nuova fatica di Lundi e soci: un'unica traccia suddivisa in due parti che esordisce con uno scenario notturno, proprio come se la notte scendesse su un paese qualunque di quella zona della Francia. Quindi la quiete sul calare della sera, le luci che si accendono qua e là nelle case, il crepitio del fuoco. Ovviamente ci troviamo in un'epoca medievale in cui le credenze verso il male e creature mostruose sono ben diffuse, soprattutto per incutere timore nei bambini "cattivi". Ma in questa apparente situazione di calma, quando ormai la notte è calata e ormai poche persone girano per la strada, ecco le prime urla di sgomento, segnate anche dallo screaming infausto di Lundi e da un'atmosfera di ansia e fuga, cosi ben descritta dal riffing post metal dei nostri. La paura si fa sempre più palpabile, una vera e propria escalation di ansia, terrore e orrore. Le poche persone per la strada fuggono all'impazzata, mentre la creatura infernale inizia a svolazzare alla ricerca della sua cena. Strazianti urla annunciano la presenza del mostro, un break acustico pare riportare la calma, ma un viandante con la voce stile Arcturus, annuncia invece che la morte si abbatterà su qualcuno quella notte. L'attesa è snervante, l'atmosfera sempre più tesa, e si prepara ad un epilogo funesto. La creatura deve nutrirsi ed è pronta al primo assalto. Un break di basso descrive il volo del mostruoso volatile e poi eccolo attaccare. Esplode un riffing dalle molteplici sfaccettature: stoner e post metal diventano una sola cosa. La furia imperversa. Montagne di riff, un assolo da paura. La came-crude ha fatto la sua prima vittima e la divora con somma voracità. Solo la preghiera corale delle persone per colui che è stato prescelto come vittima, riporta un po' di calma, ma è solo una questione di pochi attimi, perché il terrore torna a divampare tra le strade. Il mostro non è sazio e vuole far suo qualcun altro. I ritmi tornano a rallentare in un cupo incedere doom su cui si stagliano le clean vocals del bravo artista francese. Ancora attimi di attesa e terrore sorretto da una ritmica quasi marziale. Ecco calare definitivamente le tenebre con un sound al limite del funeral doom. Il pericolo sembra tuttavia scongiurato. Un temporale infatti pare aver allontanato il volatile malefico, ma il suo spettro ancora aleggia spaventoso nella notte per un ultimo attacco, che certo non tarda ad arrivare. Ecco esplodere nuovamente un violento riffing, che strizzando un po' l'occhiolino ai Neurosis, si rivela come un finale presagio di morte che si spegne in un ottimo assolo e in un riffing conclusivo degno dei migliori Cathedral in versione quasi black metal. Non c'è tregua un solo attimo in questa magnifica release del sempre più sorprendente Lundi Galilao, che con 'La Came Crude' colpisce ancora con la sua straordinaria inventiva e prolificità musicale, con un lavoro che sarà sicuramente apprezzato da tutti coloro che gradiscono sonorità stoner/post/doom/black/sludge. Inquietante e coinvolgente!