Circsena - S/t

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1269 articoli.
circsena(Autoprodotto, 2013
 
Voto: 75

#PER CHI AMA: Black Folk Atmosferico, Agalloch, Menhir 

 

 

E' decisamente controverso il mio giudizio sull'album in questione per tutta una serie di motivi: partendo da quello negativo, posso dire che non mi piace la grafica fantasy troppo elementare della cover cd e della pseudo brochure che lo accompagna. Tuttavia considero una bella trovata proprio quella della brochure, che narra la storia della band teutonica, ne ritrae i suoi componenti in modo stilizzato, descrive i brani track by track, narra la epica storia alla base di questo cd ed infine ne riporta i testi. Insomma, i nostri hanno già fatto tutto da soli, probabilmente non sarebbe necessario neppure il mio commento, ma quando serve un giudizio obiettivo, eccomi materializzarmi per voi. 'Circsena' è un EP di quattro pezzi che apre con il dolce flauto di "Wandering Above the Trees and Moors" che palesa immediatamente l'amore del duo della Sassonia per un viking black folk mid-tempo, carico di melodie nordiche abbinate ad un riffing mai troppo pretenzioso e ai vocalizzi graffianti di Daniel Kirchhoff. Un che dei primi Einherjer o dei connazionali Menhir, emerge dai solchi di questo self titled EP. Con "The Sleeper" ci si ritrova nel bel mezzo della foresta, ne percepisco l'odore del muschio e delle rocce bagnate. L'atmosfera è rilassata e quasi sognante: si tratta di una song strumentale in cui a mettersi in evidenza è il pulsante suono del basso e di una chitarra che ricama psichedeliche ambientazioni che mi conducono a "Here I Am", terza traccia di questo interessante lavoro. Una song che ha abbandonato quasi del tutto gli umori vichinghi della opening track (fatto salvo per il break centrale), e che sembra piuttosto aver abbracciato un sound molto più vicino a 'The Mantle' dei maestri Agalloch. Meravigliose (e malinconiche) le linee di chitarra, ottimi i suoni bucolici nella sua parte centrale e spiazzante la comparsa delle eteree vocals della guest Janina Jones a creare un ambientazione ancora più sognante; azzeccatissima infine la scelta dei cambi di tempo. Ottime le tastiere che con un bel riffing ritmato, aprono la conclusiva "The Age of the Dryads Pt.1", song di breve durata che mette in luce altre analogie con i gods di Portland, e che fanno balzare i Circsena in testa alle mie preferenze all'interno di questo genere. Non so se siano la risposta europea agli Agalloch, sinceramente me lo auguro, perchè Daniel e Jens Wallis di talento ne hanno da vendere. Sono certo che di risposte ne avrò a breve, visto che questo EP è preludio ad altri due cd in arrivo che continueranno la saga del potente regno di Dryad.