Chris Joss - Sticks (2009)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1256 articoli.

Chris Joss SticksLabel: Eighteenth street lounge music

Issued: 2009

 

 

 

 

 

 

Ovunque budinose divagazioni di sitar adagiate su tappeti percussivi a larga trama (su tutte, l'interminabile Rififi rococo) saltuariamente sgocciolanti timidi riverberi etno (Melissa Mercury), disco-lounge (la sopportabile Night scare) o trip-hop (la buona Tune down vs. la stratosferica Electro-glide in blue degli Apollo 440). A testimoniare il (recente) passato di ispirazione funkadelica, giusto un paio di pezzi piazzati lì con quella stringente logica che agli anglofili piace chiamare dog's dick, e opportuni grosso modo come un matrimonio riparatore calabrese (Surrounded). Tenete in sottofondo questo noioso album mentre cercate di non strozzarvi dalle risate per aver appena letto su internet quell'intervista in cui Luca Barbareschi dichiara di aver "pippato con Lou Reed e chiavato con Naomi Campbell" (sic).

 

Sì però avrei fretta: Surrounded / Night scare