Telaio magnetico (feat. Franco Battiato) - Live '75 (1995)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1256 articoli.

Telaio magnetico Live 75Label: Musicando

Issued: 1995

 

 

 

 

 

 

Distante eppure complementare rispetto alle istanze semantiche dell'avanguardismo F-B-iano degli stessi anni questa esibizione, (quasi interamente) improvvisata e (quasi interamente) pubblicata vent'anni più tardi (quasi interamente) priva di sovraincisioni, mette in scena (è il caso di dirlo) una sorta di dilatatissimo electro-prog intriso di sensazioni etniche ed esoteriche, qualcosa assolutamente inedito all'epoca e modaiolo soltanto qualche anno più tardi. Lamenti monastici e piffero per serpenti su tappeti magici di tastiere elettroniche (Parte I, Parte II), eteree voci femminili che conferiscono una vestalica e sensuale sensazione di occultismo (Parte II, l'inizio di Parte III) e, nel prosieguo, sonorità via via più dissonanti, metafisiche e aromaticamente postmoderne (il linguaggio socialmente critico, quasi politico, è chiaramente espletato nel finale di Parte III, ma è presente anche in Parte IV e V). Due esibizioni soltanto, nei teatri di Gela e Reggio Calabria, pare, a sostegno del Partito radicale, nel corso del settantacinque. Nel cast del supergruppo, F-B, il vocalist Juri Camisasca (più volte ospite nei dischi solisti di F-B) e un manipolo delle più squinternate menti avant-prog del momento. Immaginateveli seduti nella stessa stanza assieme agli alti dignitari del Partito Radicale di Reggio Calabria. Nel settantacinque.

 

Sì però avrei fretta: Parte III