Roberta Di Mario - Disarm

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: SottoSuolo

Questo utente ha pubblicato 190 articoli.

Disarm Roberta Di Mario2019, Warner Music Italy, neo-classica/strumentale

 

 

TRACKLIST:

  1. 1.Le Présage

  2. 2.A collective consciousness

  3. 3.Voice 1

  4. 4.Disarm

  5. 5.Valzer in a minor

  6. 6.Pure

  7. 7.Anatomy of a sound

  8. 8.Voice 2

  9. 9.Empty room

  10. 10.Leda and the swan

  11. 11.Gerundio

  12. 12.Answer to a composer

  13. 13.Voice 3

  14. 14.A New beginning

  15. 15.Disarm  piano solo

A volte capita di dare un’ultima occhiata alla mail prima di andare a letto e di rimanere rapiti dal materiale contenuto dentro ad una delle tante.

Capita quindi di ritardare la messa a nanna e di farsi gonfiare gli occhi davanti allo schermo rimanendo disarmati davanti a tanta bellezza di suono che entra dalle orecchie, riempiendo stanza, cervello e cuore.

Quando ascolto musiche come queste, vorrei alzare il volume e gridare a tutto il vicinato “Questa è musica, ascoltate maledetti, ASCOLTATE!”…e godete come sto godendo io in questo fiume di note che trasportano la mia mente in luoghi sconosciuti.

 

Sono vulnerabile a questo genere di orchestrazioni, evocative. Colonne sonore che mi catapultano dentro un film nel quale sono protagonista, ma la regista è lei, la Di Mario, al piano.

Come dar torto al titolo perfettamente calzante a queste canzoni? Disarm! Si è proprio quello che mi ha fatto ‘sto disco, mi ha disarmato e lasciato in piedi a godermi l’ultima goccia di suoni di una bella giornata che giunge alla fine un po’ più in ritardo rispetto alla tabella di marcia.

Io di questi generi non me ne intendo, sono una frana, ma se devo darvi qualche somiglianza e riferimento, la avvicino a tratti a Ludovico Einaudi nella pace che trasmettono le scale e gli arpeggi delle note emesse dai tasti bianchi e neri del piano, e di sicuro la mia mente riesce a vedere tramite questi magnifici suoni, il più bel film che si possa desiderare.

Ascoltate gente, ascoltate!

 

 

Disco recensito anche sul mio blog Suono Ibrido

Malbo