I Disumani - Tracce di feci

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: SottoSuolo

Questo utente ha pubblicato 190 articoli.

i disumani tracce di feciLuglio 2019, Discorso records, hardcore

 

TRACKLIST

  1. Ci piscio
  2. Siete solo voi
  3. La festa dell’uomo
  4. Ciccione viaggiatore
  5. Non dire gatto
  6. Minima chiesa, massima resa
  7. Self Cervice
  8. Mali estremi
  9. Fantasma

 


Sono tornati miei cari….Un anno dopo ricevo un nuovo cartoncino piegato su se stesso, con dentro un disco in confezione cartonata, lo apro….TRACCE DI FECI…e io già mi innamoro.

Da quel giorno il disco è stabile in macchina, voi non avete idea di quanto sollevi il morale ascoltare certi intrugli sonori e verbali mentre si va o si torna da lavoro. Affronti meglio le orde di turisti che invadono i territori nei quali sei nato, garantito…e la sera vai più volentieri al bar.

Ve la dico tutta? Mando un vocale al gruppo facendo sentire che sono all’ultima traccia del disco, ridendo e complimentandomi per l’operato e:
IO – Ahahahaha grandi! È fighissimo!
I DISUMANI – O sei partito dalla fine o l’hai ascoltato tutto. In entrambi i casi hai fatto benissimo.

Tracce di feci è una bomba senza orologeria! Una centrifuga che sbatte il cervello qua e là e che non ti lascia il tempo di reagire e di comprendere. Finalmente questo disco dura il giusto tempo che merita, sempre al limite tra l’ironico, il dissacrante e il demenziale.

Ritmi spezzati e tempi assurdi, urli e grida schizofreniche alternate a voci narranti acidule mescolate a chitarre che a tratti somigliano a dei mietitrebbia.

I Disumani sono in piena crisi di mezza età e si sente, credetemi!

Evviva le crisi! Evviva la follia! Il disco è, come il precedente EP BRUTTURE, registrato sempre bello asciutto, hardcore, spettinato al punto giusto.

Ascoltate, lo sapete, se sto qui a scrivere di un disco è perchè spacca il culo! Certo, dovete essere pronti ad accogliere nella vostra colonnina porta ciddì le Tracce di feci che potrebbero contaminare i dischi vicini, ma tutto sommato è un rischio che si può correre, e spesso è migliorativo, soprattutto se la colonnina è condivisa con la famigghia.

“Non ascoltate i disumani? Non meritate nessun perdono”

 

 

Disco recensito anche sul mio blog Suono Ibrido

Malbo