AIRPORTMAN / FABIO ANGELI - Il Paese Non Dorme Mai

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2476 articoli.

airportmanfabio angeli il paese non dorme mai cdLizard ‎– LIZARDCD0156, 2019

 

 

Gli Airportman arrivano alla sedicesima esperienza discografica, ancora una volta prodotti dalla Lizard Records.
Spina dorsale del progetto i fondatori Giovanni Risso (chitarra acustica, percussioni e batteria elettronica), e Marco Lamberti (chitarra acustica, harmonium e pianoforte), a cui si sono aggiunti nell’occasione Mansueta Cinzia Mureddu al violoncello e Fabio Angeli (voce e synth).
 
Il nuovo ed emozionante lavoro si intitola “Il Paese Non Dorme Mai”, ambientato in uno spazio/tempo preciso in cui tutti si possono riconoscere, non solo chi ha vissuto e vive la realtà periferica piemontese - regione di provenienza della band -, perché la dimensione proposta è tipica di una particolare situazione di vita, indipendente dalla regione di provenienza.
 
Occorre avvicinarsi agli Airportman essendo consci della loro dimensione minimalista, un approccio che si riversa su ogni aspetto del loro lavoro musicale, dalle sonorità alle parti grafiche, passando per gli arrangiamenti, ricercati, ma volutamente “contenuti”.
Per esperienza personale so che anche un brano rock tradizionalmente riconosciuto, nelle loro mani diventa una cosa completamente nuova che difficilmente riconduce alle origini.
 
Di certo questo album è, tra quelli che ho ascoltato all’interno della loro vasta discografia, quello che a mio giudizio riporta maggiormente alle radici, alla tradizione, al passato, al legame tra affetti che passano, a volte senza dar segnale alcuno se non il “suono” di una catena ben oliata che mette in movimento l’unico mezzo possibile, la bicicletta, quelle due ruote che trasportano da casa al lavoro, dal lavoro a casa, una routine interrotta dalla messa della domenica mattina e dal bicchiere di vino al bar, nel giorno della festa.
E il tempo scorre, lasciando solchi profondi nei visi usurati dalla fatica, mentre la comunicazione tra padre e figli, tra moglie e marito, spesso silente, viaggia attraverso sguardi eloquenti, per mezzo di occhi che hanno visto solo i colori che cambiano col susseguirsi delle stagioni, con un raggio di azione che si è allungato solo in un’occasione, quando l’obbligo di leva ha permesso di aumentare le conoscenze, ampliando un orizzonte solitamente limitato.
Il paese è testimone di questo scenario, non ha tempo per le pause di riflessione, osserva i passanti conosciuti, così come guarda con sospetto il frequentatore estivo che porta la diversità, ancor più se è straniero.
E poi la sagra, il mercato, la festa dell’uva, la pallamano che si gioca nelle piazze, la fontana, il bar di tutti, l’odore del bestiame che si vende alla domenica, la panchina sulla piazza, la balera, la fisarmonica e la mazurka, la partita a carte ricordando i tempi andati.
 
Ho trovato tutto questo in un album per buona parte strumentale, in cui si inserisce il toscano Fabio Angeli, protagonista di tutti gli inserti vocali che hanno reso unico questo lavoro, realizzando una sorta di gemellaggio tra regioni, avvalorando la mia tesi che… il paese è paese, indipendentemente dal luogo di provenienza.
Angeli è anche la voce dell’ultimo brano, “Life in vain”, l’unica cover, in origine di Daniel Johnston, mancato lo scorso anno, cantautore e pittore statunitense.
Dice a proposito la band: “…una vera poesia resa immensa da Fabio… sarebbe piaciuta anche a Daniel!”.
 
A rafforzare i concetti che ho provato a delineare, alcune fotografie di forte impatto, a partire dal ciclista impresso sul CD (Luigi, padre di Giovanni Risso) sino alla copertina che riporta al giorno del matrimonio dei genitori di Marco Lamberti, passando per l’immagine del padre di Loris Furlan (insieme all’amico di sempre), patron della Lizard, che ha contribuito, anche, con una presentazione personale da cui mi fa piacere estrarre liberamente alcuni passi significativi:
 
“Anche mio padre non deve mai aver imboccato un’autostrada, se non con la corriera delle gite dell’Avis, e non deve essere mai andato oltre le province di Treviso e Venezia, anche se aveva fatto il militare a Spoleto: non amava la città. Vedovo giovanissimo, molto presto in pensione, le sue giornate erano scandite dal solito percorso tra il bar in centro e il circolo anziani di Preganziol, paese in cui aveva sempre vissuto. Mai sentito l’esigenza di andare oltre. In fondo non abbiamo un vero bisogno di quel mondo tecnologicamente infinito a cui ci vogliono assuefare, anzi, credo possa darci sollievo una finitezza, le sue semplici certezze, fin dove lo sguardo può arrivare. Al contrario uno sguardo proiettato verso l’infinito, che non ci dà mai delle risposte, disorienta, provoca frustrazione. Poi ci si abitua? Forse, o forse mai abbastanza per quello che è il nostro essere più vero.
E poi la malattia, precoce, che gradualmente ma inesorabilmente gli ha spento le forze, la ragione, la vita.”
 
Non credo ci sia molto da aggiungere, non penso che il sezionamento dell’album e il commento delle singole tracce possa fornire valore aggiunto, perché le parole non saprebbero descrivere l’emozione che si può provare nell’ascoltare la progressione della colonna sonora della vita, un flusso continuo e rapidissimo che accomuna l’essere umano ma che, a seconda del destino che ha toccato la singola anima, può condurre a considerazioni differenti, legate ad esperienze spesso incomparabili.
 
Ho vissuto il “paese” di rimando, nelle vacanze estive, nei racconti dei miei cari, sfollati in quelle regioni nel corso della Seconda guerra mondiale, insomma, molto più di un passante per caso, e l’ascolto di “Il Paese Non Dorme Mai” mi ha davvero toccato.
Certamente non un lavoro per tutti i palati ma, d’altronde, gli Airportman seguono l’istinto e le esigenze personali, non certo ciò che va di moda!
Che dire… senza fiato e… una buona porzione di sano spleen!
 
 
 
 
Formazione:
Giovanni Risso chitarra acustica cori synt. rumori
Marco Lamberti chitarre
Paolo Bergese synt. Vibrafono rumori
Mureddu Cinzia Mansueta Violoncello
 
Per contatti Airportman:
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
DISCOGRAFIA
 
2.45 A.M 2002
Di terra e d’ombra 2003
Inverno in divenire 2004
Son(g) 2005
Off 2007
Rainy days 2007
Letters 2008
The road 2009
Weeds 2009
Nino e l’inferno 2010
Modern 2012
David 2014
Anna e Sam 2016
Dust & Storm 2017
Ca-pez-zà-gna 2018
Il paese non dorme mai   2019