One eyed Jack - What'm I getting high on

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Bob Stoner

Questo utente ha pubblicato 283 articoli.

(Fil 1933 Group, 2017)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Post Grunge, Alice in Chains

 

 

 

Ok, passi il termine post grunge anche se in realtà non l'ho mai capito, passi il ponte con la scena di Seattle ammettendolo solo in piccola percentuale ma non mi si tirino in ballo i grandi nomi che la resero grande come Soundgarden o Alice in Chains che proprio il paragone non ci sta. 'What'm I Getting High On?' è un buon album dai risvolti vintage, prodotto uscito per il coraggioso collettivo FIL 1933 group, con buoni risultati e con discreta originalità se si guardano i trend rock del momento, con un pizzico di psichedelia che non guasta ma senza la rabbia che ha portato il sound di Seattle a creare una generazione di mitiche band disadattate. Quindi, bisogna guardare il combo bresciano da una prospettiva diversa. Le uniche band dell'epoca in questione che, per attitudine sonora possiamo accostare al gruppo lombardo, sono gli Smashing Pumpkins agli arbori e in parte i primi Afghan Whings, quelli meno famosi e passati inosservati per tanto tempo. La prospettiva giusta è da ricercare nella musica che precedette il movimento grunge, tutte quelle rock band che volevano creare alla fine degli anni ottanta/inizio novanta, qualcosa di nuovo, spostandosi dal solito rigurgito punk, fuggendo dalla new wave ed evitando il metal, band come i Mega City Four, i Dag Nasty, i primissimi The Flamming Lips, Catherine Wheel o Band of Susans, tutte band strabilianti ma poco comprese perché i tempi non erano ancora maturi per la loro venuta. Quindi, osservati da questa angolatura, gli One Eyed Jack, hanno un motivo serio di esistere e di essere apprezzati per il coraggio della loro proposta fuori dal tempo, radicale e originale, un attitudine tra hard rock, leggera psichedelia e rock alternativo, riveduta e corretta in termini odierni. Bravi musicisti e soprattutto coraggiosi a presentare un album simile a dispetto dei paraorecchie che ci sono in giro oggi. Interessanti, trasversali, prodotti egregiamente e non annoiano mai; anche se qualche brano potrà risultare derivativo ma nel totale sono molto carini all'ascolto. Niente rivoluzioni, solo un occhio intelligente al passato, un gran bel disco di rock alternativo e la voglia vera di fare musica senza condizionamenti modaioli. "Primetime", "Little Junior Finally Grew a Beard" e "Drama Shit" i brani più rappresentativi. Fatevi coinvolgere!