PAMELA GUGLIELMETTI - CAMMINO CONTROVENTO

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 2287 articoli.

Autore: Franco Vassia

 

PAMELA GUGLIELMETTI CAMMINO CONTROVENTOAutoprodotto, 2021

 

 

"Cammino controvento”, in uscita il 22 ottobre, non sarà mai un disco di successo. Ma questo non perché le sue credenziali non siano meritevoli, tutt’altro! Perché, Cammino controvento, non è disco ruffiano o ipocrita, costruito con i tratti distintivi – oggi purtroppo tanto in voga – buoni per riempire le orecchie e le pance di un pubblico drogato dall’effimero, dalla fretta e dalla voracità.

Il nuovo album di Pamela Guglielmettiè l’elogio della lentezza, un granaio di parole, la musica che quieta ritorna nel suo alveo. Sono racconti, strofe, immagini, acquerelli, sussurri e grida. Un lavoro costruito, pezzo dopo pezzo, con le mani e col sudore dell’artigiano perché, chi ha qualcosa da dire, oggi abita agli estremi opposti dei palazzi dei discografici e dei bucanieri del Barnum musicale.

Neppure esiste un titolo più appropriato: Cammino controvento è il titolo perfetto per chi deve barcamenarsi fra giochi di potere, calcoli di bottega e interessi commerciali. Un lavoro pulito che rimanda ai tempi andati, di quando in sala di incisione c’era ancora qualcosa da dire, da condividere o da confessare.

Anche i suoni sono gli stessi, dove la nota non è mai banale e ogni parola assume in pieno il suo valore ancestrale.

Tutto perfetto? Forse no, ma sicuramente al di sopra della media delle ottuse volgarità che debordano dalle piattaforme del web. Perché è proprio questo il problema: oggi non si comprano più dischi ma si consumano come un chewing gum o la nota di una sigaretta. Anche se qui e là emerge qualche caduta di tono, per apprezzarlo al meglio Cammino controvento va ascoltato in religioso silenzio, centellinando le parole oltre al respiro.

Nove canzoni di buon livello dove, soprattutto, spiccano “Abbi cura di me” e “Come sarà”, due brani che non sfigurerebbero nel canzoniere del cantautorato colto dei tempi d’oro.

 

 

Andrea Torretta : producer
Maurizio Fiaschi: arrangiamenti e chitarre
Emanuele Valente: contrabbasso
Edoardo Viola: violino
 
Nel video appaiono: Filippo Pampararo (chitarra), Emanuele Valente (contrabbasso), Emanuele Benenti (spazzole).
 
Registrato presso Studio Maia, Genova
Video prodotto da Wonderland Production, Genova
Ufficio stampa: Rouge Promozione Musicale
Cinzia Laci: fotografia
Italia Furlan by arti_ficio: costume designer
 

Tra versi e poemi a volte soltanto sussurrati, Pamela Guglielmetti è la compagna che ti prende per mano e ti accompagna sul lungomare deserto e che, oltre al dito, ti fa notare che esiste anche la luna.

 

TRACKLIST:

1- Stella del Nord

2 - Un sogno per Cloe

3 - Odorerai di sole

4 - Eternità

5 - Filo scarlatto

6 - Abbi cura di me

7 - Come sarà

8 - Il tempo non esiste

9 - La stanza dei miracoli

 

 

I MUSICISTI:

Pamela Guglilmetti (voce)

Guido Bottaro (piano)

Maurizio Fiaschi (compositore e direttore d’orchestra)

Paolo Zebolino (ghironda)

Filippo Pampararo (chitarra)

Emanuele Benenti (batteria)

Edoardo Berta (violino)

Emanuele Valente (contrabbasso)

Andrea Torretta (produzione)

WEB

https://www.pamelaguglielmetti.com/

https://www.facebook.com/Pamela.Guglielmetti.Artist/

https://www.instagram.com/guglielmetti.pamela.artist/