David Lenci & The Starmakers - S/t

Postato in Yasta la Vista

Scritto da: Mikmonta

Questo utente ha pubblicato 172 articoli.
david lenci the starmakers(GoDown Records, 2013)
 
Voto: 90

#PER CHI AMA: Post Grunge, Queens of the Stone Age

 

 

David Lenci, noto produttore/tecnico del suono e fondatore del Red House Recordings Studio, si fa attendere per circa due anni e finalmente esce con questo Lp (la versione cd è al momento disponibile solo per gli addetti ai lavori) interamente registrato in analogico (dio come godo). Alcune sovraincisioni sono state poi fatte presso "Sotto il Mare Recording Studio", altro tempio del suono di Verona. Quindi vi starete chiedendo cosa può nascere da grandi musicisti (David non si è fatto mancare nulla) e grandi mezzi? Bene, smettete immediatamente di farlo e andate ad ascoltarvi questo Lp su Soundcloud. La prima impressione è quella di essere tornati indietro nel tempo, tra Seattle e San Diego, quando la costa ovest degli USA stava affrontando un cambiamento che avrebbe segnato l'inizio di un epoca. Quindi psichedelia e grunge, un mix tra Jefferson Airplane e Neil Young con escursioni squisitamente rock alla Led Zeppelin. Tanta nostalgia, ma sfruttata al meglio come ottimi punti di partenza per un album personale, profondo e ribelle. Tutto ha inizio con "Refugee" che mette subito in risalto il caldo timbro vocale di David in pure stile Eddie Vedder, ma più tranquillo e meno incazzato. Ottime le chitarre che legano alla grande il mix di suoni puramente americani con la voce mai troppo alta rispetto agli altri strumenti (tipico nel mix all'italiana). Anche basso e batteria lavorano bene e si fondono perfettamente sviluppando un brano piacevole, anche se personalmente l'avrei fatto leggermente più veloce. "Old Guys Never Die" inizia con un arpeggio psichedelico che culla il cantato e si trasforma poi in un riff non esageratamente distorto. La atmosfera onirica viene sostituita da un assolo in wha che riprende un altro effetto caro al periodo di questo genere. Altra bella traccia che conferma la mia idea iniziale, cioè che David e Co. si sentono legati al rock grunge e psichedelia, ma senza l'incazzatura tipica di gruppi come Alice in Chains. La band aggiunge invece una punta di eleganza mista a malinconia che ne caratterizza le tracce e le trasforma in piccole gemme. Chiudo con "The Train Has Gone" che nonostante sia l'ultima traccia, viaggia come un treno senza controllo, semplicemente perfetta sotto tutti i punti di vista. Breve, intensa e sfacciatamente arrogante, come un brano rock deve essere. E lascia comunque intuire che la fine di ogni cosa è relativa e può essere solo che l'inizio di qualcos'altro. Uno dei migliori dischi del primo semestre 2014, senza dubbio. Ora però voglio mettere le mani sul vinile, non posso perdermi la possibilità di avere questa chicca tra la mia collezione.