Machan

Scritto da: D.D.

Questo utente ha pubblicato 302 articoli.

Ita/S.L./Ger 2008

In Sri Lanka due giovani amici decidono di dare una svolta alla loro esistenza, socialmente inaccettabile, cercando di ottenere il visto per emigrare in Germania; non ricevendolo tentano di mettere insieme una squadra di pallamano per ricevere un invito a partecipare ad un torneo internazionale in Baviera.

Il sottotitolo del film è: La vera storia di una falsa squadra. Opera prima del produttore Uberto Pasolino (nipote d’arte, visto che lo zio era il maestro Luchino Visconti) tratta da un fatto di cronaca accaduto nel 2004. Nota di merito per il regista è quella di essersi avvalso di numerosi aiuti locali, visto che è quasi interamente ambientato sul posto, come per la sceneggiatura scritta a quattro mani con Ruwanthie de Chickera. Nonostante il film parli e sia ambientato in un clima di forte indigenza, la miseria è trattata con normalità, con realismo e non con il facile pietismo caro a tanti pessimi registi.

La prima parte, che si svolge in Sri Lanka, vede delle discrete ambientazioni e gli attori sono assolutamente positivi (di gran lunga superiori alla maggior parte degli attori della maggioranza delle fiction che la nostra sgangherata televisione produce e ci propina). La speranza di coronare il loro sogno e di affrancarsi da una vita fatta di sofferenze, povertà, disoccupazione, dittatura e ingiustizie spinge i protagonisti ad una scelta difficile da prendere che inevitabilmente cambierà radicalmente la loro vita. L’interrogativo che il regista pone allo spettatore è se questo gruppo di sventurati avrà fatto bene a prendere questa decisione. Anche se il prodotto filmico risulta stilisticamente ben fatto manca d’intensità e nel complesso è troppo asettico e insipido; comunque si possono trovare dei momenti divertenti, soprattutto durante gli allenamenti e le partite della squadra.

Il risultato finale è quindi dignitoso anche se banale, e non merita di essere preso in considerazione visto che la cinematografia ha creato pellicole molto più interessanti e meritevoli, anche se è vero che ne ha sfornate anche di decisamente peggiori….