PENSIERINMUSICA (Luca Olmeda)

Scritto da: Athos_Enrile

Questo utente ha pubblicato 2368 articoli.
 

Luca Olmeda propone la sua poesia nel nuovo libro PENSIERINMUSICA, ottanta episodi collegati da un fil rouge - il topic "donna" - che trasforma il tutto in un concept book fatto di inediti e di versi già pubblicati.
 
Genovese, poeta da sempre, dotato di una sensibilità non comune, Olmeda mette al centro di questo suo nuovo progetto l’elemento femminile, avendo cura di toccare ogni aspetto che lo riguarda, dal primo amore sino alla possibile incomunicabilità, passando per l’idealizzazione del luogo in cui si è nati e si vive, a volte difficile da sopportare, altre da accarezzare e farsi coccolare, in fondo, metafora della vita comune.
Ma accade che nascano nuove esigenze e si senta il bisogno di fare un passo in piu’ verso differenti modelli espressivi, ed ecco che alle parole si aggiungono trame musicali, e con qualche aiuto esterno - nello specifico il chitarrista genovese Giacomo Caliolo - si raggiunge con naturalezza lo status di “canzone”.
Sono quattro le poesie che diventano liriche di brani sonori perché…
 
Le parole sono sentieri
Che diventano viaggi
Dal profondo di noi raccontano
La melodia di vivere…
 
“Vorrei ingoiare quel triste sapore,
che sento tra la gola e il cuore
e far vibrare al vento per te,
con la mia voce
petali d’amore…”
 
A fine articolo propongo il brano “Lupo di mare”.
 
Abbiamo chiacchierato un po’ e la lettura dell’intervista fornisce l’opportunità di entrare nei dettagli del progetto.
 

Domanda d’obbligo, chi è Luca Olmeda e da cosa è caratterizzato il suo percorso artistico?
 
La prima parte della domanda è un quesito che spesso mi pongo anche io.
Potrei dire che Luca Olmeda è un uomo semplice, umile e molto sensibile, che non fa che cercare risposte nel difficile tentativo di interpretare gli eventi e la vita.
Il mio personale percorso artistico è in costante crescita ed evoluzione, e penso di potere datare il suo inizio all’età della ragione, momento in cui ho iniziato a confrontarmi con me stesso.
 
Dalla tua biografia si evince come la scrittura abbia caratterizzato da subito la tua esistenza: come definiresti la poesia intesa come forma espressiva, in comparazione alle altre che hai conosciuto nel tuo processo di maturazione?
 
Scrivere una poesia è un po’ come dialogare con sé stessi… ci si interroga su un dato argomento e si cerca di percepirne le sensazioni, i contrasti, i lati oscuri, ma anche quelli positivi… si cerca insomma di dare una libera e sincera interpretazione a tutto. In fondo si fa presto a scrivere una poesia, basta essere sinceri e buoni osservatori; tuttavia il poeta non basta mai a sé stesso, e la necessità di un confronto rappresenta sempre un valido aiuto; a volte viene dalla lettura di un buon libro, altre da un colloquio diretto con un caro amico, altre ancora dall’accostamento ad altre forme di arte… come la musica ad esempio!
 
Ho nelle mani il tuo libro “PENSIERINMUSICA”, un contenitore basato sulla proposizione poetica: cosa contiene? Esiste un fil rouge che lega i vari episodi?
 
Si tratta di una raccolta che comprende sia versi precedentemente pubblicati che altri inediti, inoltre il volume termina con i quattro brani musicali ascoltabili e scaricabili via web. Scegliere ogni testo non è stato facile, ma ho pensato di farlo seguendo un itinerario abbastanza preciso. Nella sinossi del volume indico come fil-rouge la donna, è a lei che dedico i miei pensieri, ma mi riferisco a quell’essenza che può assumere anche forma e sostanza diversa dal consueto… quindi la donna ora rappresentata da questa mia città, con le sue forme frastagliate accarezzate dal mare, oppure diventa un concetto; desiderio o libertà… ma poi ritorna ad essere donna, l’essere che vive accanto a noi uomini, con la sua forza, la sua fragilità.
 
La donna è da sempre primaria fonte di ispirazione artistica, e mi piace pensare che ciò avviene perché è l’essere vivente che più si avvicina alla nostra idea di perfezione, tra estetica e sostanza: che cosa ti spinge a scriverne in modo così importante?
 
La donna è da sempre fonte di ispirazione del poeta. Purtroppo, non sono io il primo a decantarne lo splendore. Comunque, non vorrei sembrare ipocrita ma la donna conserva alcuni segreti nel suo mondo, che qualche volta ci consente di visitare, che noi uomini possiamo solo immaginare. Più che l’estetica, che non manco comunque di argomentare nelle mie composizioni, ammiro molto certi aspetti del suo carattere, come la forza di volontà, la tenacia, la sensibilità, la fragilità, il coraggio.
 
Nella seconda parte del book sono presenti testi che hai musicato: da dove nasce questa esigenza di evolvere dalla lirica all’aggiunta musicale?
 
Capita di scrivere tutti i giorni, come capita anche di non scrivere per intere settimane. È sempre l’anima che suggerisce le parole al cuore e la mano le scrive. E poi un giorno un amico musicista che apprezza i tuoi versi ti chiede se saresti in grado di scrivere un testo per un brano. Le parole dei tuoi versi allora possono mettere le ali e andare ancora più lontano. Scrivere un testo di una canzone non è proprio come scrivere una poesia… ci si scontra con le note che diventano un po’ come un vestito che le parole devono indossare, ma queste spesso sono di misura diversa e quindi bisogna cercare di adattarle alla musica mantenendo però l’argomento ed il senso della poesia. Ho voluto arricchire i miei pensieri con la musica, cercando di rendere armonioso l’intero progetto e credo sinceramente sia venuto un bel lavoro malgrado io non sia un cantante.
 
Come è nata la collaborazione con Giacomo Caliolo?
 
La nostra è un’amicizia recente, ma molto sincera ed intensa perché da subito c’è stata un’intesa quasi magica. Ogni volta che propongo un testo a Giacomo, lui lo legge poi prende la chitarra ed inizia a buttare giù due note di traccia… e quella è già la canzone, così come l’avevo immaginata io. Se questo progetto si è potuto realizzare è soprattutto grazie a Giacomo, alla sua grande esperienza ed al suo estro artistico.
 
Il processo di creazione di una canzone non è monodirezionale, e la magia si può compiere partendo dal testo e inserendo la musica adatta o viceversa, non esiste una regola precisa. Tu non sei un musicista… che idea ti sei fatta?
 
Non essere un musicista non ha rappresentato un limite, malgrado lo sia, perché farei molto prima se potessi scrivere da solo la musica dei miei testi, tuttavia, per l’esigenza di un confronto di cui parlavo prima, lavorare con altri artisti mi è stato di grande aiuto, ho imparato molto da ognuno e tanto ancora devo imparare e posso solo che ringraziare la mia umiltà e loro pazienza. Con Giacomo in particolare poi, non ci sono regole, certo nel nostro caso nasce sempre prima il testo della musica, ma il tema musicale è spesso dettato da sensazioni.
 
Sei nato e vivi a Genova: è stata condizionante - magari a livello inconscio - l’appartenenza ad una città che tanto ha dato a livello artistico?
 
Genova è una città meravigliosa, che però lotta da sempre contro radicate contraddizioni; nel libro sono presenti diverse poesie che parlano sia della città che dei suoi abitanti in un’alternanza di amore/odio costante…
Gli artisti nati in questa terra di mare sono tanti e tutti molto importanti… posso dire di essere stato profondamente influenzato da alcuni di loro, ma non dimentichiamo che l’Italia è un paese ricco di grandi personaggi, soprattutto in campo artistico e musicale, quindi di esempi da seguire ne ho avuti moltissimi, anche fuori città.
 
Che effetto fa rileggere le proprie liriche trasformate in brani sonori?
 
Sapessi che effetto fa sentirli cantare da sé stessi! In verità, considerato il grande lavoro che c’è dietro, che ha richiesto molto tempo - circa tre anni per realizzare il tutto, perché parliamo di qualcosa che si fa per passione -, posso dire che ora guardo con occhi diversi chi è musicista di professione o cantautore. Forse ho imparato qualcosa anche in questa occasione!

Quali sono gli argomenti trattati nei brani?
 
"Un sasso in mare" è il pezzo su Genova, la mia città natale, che mi permetto di trattare con amore e odio, dove apprezzo ma anche disprezzo i suoi angoli, le sue idee, le sue abitudini.
 
"Lupo di mare": la libertà, la ricerca interiore rappresentata dalla figura del marinaio, dell'uomo di mare che affida spesso o troppo spesso, la sua vita ai venti, alle stelle...
"Razza di uomini" tratta l'argomento del femminicidio con un'analisi dell'uomo-maschio. Il pezzo descrive nella prima parte, le caratteristiche del tipico uomo violento, per intenderci, mentre nella seconda parte emerge il mio personale punto di vista che andrà sicuramente d'accordo con molti altri uomini come me.
A tale proposito, il libro dovrebbe contenere un progetto benefico di raccolta fondi attraverso le vendite, a favore del Centro antiviolenza Mascherona di Genova/Unione Donne Italiane, ente dal quale sto ancora aspettando il benestare per poter pubblicare il libro.
In questo brano Giacomo Caliolo, con l'arrangiamento e non solo, a mio modesto parere, ha fatto davvero un grande lavoro.
"Onlus-you" è un'ironica metafora sulle unioni, i rapporti di coppia obsoleti e logori, tipici di chi convive ormai da molto tempo e dove si alternano affetto e indifferenza che ormai hanno preso il sopravvento su ogni altro sentimento.
 
Hai pianificato momenti di condivisione del tuo libro, tra presentazioni e set a base di musica e parole?
 
Fino ad ora non ho avuto molto tempo per potermi dedicare a questo aspetto, pur sapendo essere forse il più importante in questo momento. Devo dire che si fatica parecchio a farsi dare degli spazi quando non si è conosciuti, comunque, diciamo che ci stiamo lavorando.
 
Cosa c’è nel futuro prossimo di Luca Olmeda?
 
Speravo me lo dicessi tu! A parte gli scherzi, fa sempre un po’ paura pensare al futuro, anche perché viviamo tempi difficili, anche dal punto di vista artistico, tempi ardui, ma in realtà per molti aspetti migliori di altri ormai trascorsi; abbiamo più potenzialità e strumenti di prima eppure sembra si fatichi di più. Tuttavia, per quanto mi riguarda, penso che mi piacerebbe continuare a scrivere, il canto sarà stata una piccola parentesi per potermi presentare al mondo come autore (almeno credo). Sì, mi piacerebbe scrivere per me e per altri, soprattutto per altri, fare l’autore insomma, perché in sostanza la mia vera vena artistica sono i pensieri e le parole.